Cronaca

"Cacciatori" di "oro rosso" di nuovo in azione: colpita la linea ferrata

Ad essere tranciati e portati via sono stati i cavi di rame del sistema di sicurezza

La linea ferroviaria che passa da contrada Cometi a Racalmuto

Certe volte ritornano. Un anno dopo la razzia di circa 3 chilometri di cavo di rame della Tim, i “cacciatori” di “oro rosso” sono tornati in contrada Cometi a Racalmuto. Ad essere presa di mira, questa volta, è stata la linea ferrata – che collega Canicattì con Agrigento, passando anche da Racalmuto - attigua alla strada provinciale. Ad essere asportati sono stati i cavi di rame del sistema di sicurezza.

Un “colpo” che, verosimilmente, è andato male per i ladri che potrebbero aver rinunciato ad ultimare l’opera criminale, temendo d’essere stati visti o sentiti da qualcuno. I malviventi sono riusciti, infatti, a portar via “soltanto” poco più di 70 metri di cavo di rame. A fare la scoperta prima e la denuncia dopo sono stati i responsabili delle Ferrovie. La segnalazione alle forze dell’ordine è stata fatta, naturalmente, a carico di ignoti. Appena un anno fa, invece, ai “cacciatori” di “oro rosso” – non è escluso che in azione sia sempre la stessa banda – andò meglio: fra le contrada Cometi e Pizzo Campana riuscirono a portare via, abbattendo anche i pali di legno che sostenevano i fili, 3 chilometri circa di cavi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cacciatori" di "oro rosso" di nuovo in azione: colpita la linea ferrata

AgrigentoNotizie è in caricamento