rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Racalmuto

Fresato d'asfalto alle spalle della scuola, la paura rischia di diventare psicosi

E' il luogo dove quei cumuli sono stati depositati ad essere contestato. Fra i genitori dei piccoli racalmutesi, che frequentano l'istituto scolastico, dilaga la preoccupazione

Sono stati accatastati alle spalle della palestra della scuola elementare "Generale Macaluso". Si tratta di cumuli di fresato d'asfalto. Un genitore - Alfonso Lo Sardo  - si è già rivolto, negli scorsi giorni, alla stazione dei carabinieri. Avrebbe voluto formalizzare una denuncia contro ignoti. Denuncia che non è stata raccolta. 

Il fresato d'asfalto proviene dal disfacimento del manto stradale e "non può essere equiparato né a materiali inerti, né a sottoprodotti" - . Lo ha stabilito Corte di Cassazione secondo la quale si tratta di "rifiuti speciali". Secondo un pronunciamento del Consiglio di Stato, invece, il fresato d'asfalto "può essere annoverato come un sottoprodotto purché in presenza di specifiche condizioni tecniche (Cons. Stato Sez. IV 21 maggio 2013 n.4151)". Per il Consiglio di Stato, dunque, il fresato d'asfalto "è un sottoprodotto e non un rifiuto".

A prescindere, però, dalle disquisizioni di carattere ambientale, è il luogo dove quei cumuli sono stati depositati ad essere contestato. A poche decine di metri c'è un istituto scolastico. E fra i genitori dei piccoli racalmutesi, che frequentano l'istituto scolastico, dilaga la preoccupazione.

"Non è certamente il luogo adatto" - hanno detto - . "Qualcuno (il riferimento è, naturalmente, alle istituzioni comunali) dovrebbe preoccuparsi di verificare se è vero o meno, secondo le voci circolate, che quei cumuli di bitume d'asfalto li si voglia distribuire nello spiazzare sterrato" - hanno argomentato, ancora, i genitori - . "E' lecito farlo?". Appare indispensabile, dunque, a questo punto, che qualcuno - dal palazzo di città -  faccia chiarezza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fresato d'asfalto alle spalle della scuola, la paura rischia di diventare psicosi

AgrigentoNotizie è in caricamento