La fondazione Sciascia è in enormi difficoltà, il Comune concede contributo

I 25 mila euro, dopo la riduzione dei trasferimenti di fondi dalla Regione Siciliana, serviranno per coprire le spese di gestione generali

Gli interni della fondazione Sciascia

Serve coprire le spese di gestione generali. E’ per questo motivo che l’amministrazione comunale – sindaco Vincenzo Maniglia in testa – hanno concesso un contributo di 25 mila euro alla fondazione Leonardo Sciascia. Una sorta di boccata d’ossigeno per garantire la sopravvivenza. Ma cosa è successo?

“In seguito alla riduzione dei trasferimenti di fondi dalla Regione Siciliana alla fondazione ‘Leonardo Sciascia’ – scrivono dal Comune di Racalmuto – la fondazione si è trovata in enorme difficoltà nell’affrontare le spese di gestione per il mantenimento dei servizi erogati ogni anno”. L’amministrazione di Racalmuto è impegnata. anche dal vigente statuto comunale, a sostenere la fondazione “Leonardo Sciascia” con ogni mezzo, compatibilmente con le disponibilità di bilancio. Proprio nello strumento finanziario, approvato all’inizio dello scorso luglio dal consiglio comunale, era stato previsto un capitolo specifico per procedere all’erogazione di questa importante mano d’aiuto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le iniziative culturali della fondazione ‘Leonardo Sciascia’ rientrano tra le attività di interesse istituzionale dell’amministrazione che promuove – è stato sottolineato – la valorizzazione culturale e turistica del paese, nonché la divulgazione e la conoscenza del pensiero e dell’opera dell’illustre scrittore racalmutese”. La fondazione “Sciascia” è stata costituita il 15 novembre del 1990 con lo scopo di consentire e promuovere la consultazione e lo studio delle opere e dei documenti dello scrittore racalmutese, uno scrittore i cui libri sono stati tradotti in 36 lingue e che ogni anno attira – a Racalmuto – migliaia di visitatori, studiosi e convegnisti. La fondazione non ha scopo di lucro e nello svolgere l’attività di studio e di promozione organizza convegni, seminari, mostre e altre iniziative che rispondono alle finalità istituzionali, concedendo anche sovvenzioni, premi e borse di studio. La fondazione si è sempre finanziata con le elargizioni e i contributi erogati da enti o da privati interessati ai suoi fini istituzionali. Negli ultimi anni, però, proprio a causa dei minori trasferimenti della Regione, l’ente continua a trovarsi in enormi difficoltà. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento