menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Ingoia una moneta e non riesce più a respirare, salvata in extremis bimba di 3 anni

I medici del "San Giovanni di Dio", in primissima battuta, avevano ipotizzato un trasferimento verso Palermo. Poi, la delicata decisione: è stata sedata e l'endoscopista con una pinza è riuscito ad afferrare e a tirare fuori dall'esofago i 20 centesimi

Ha 3 anni la piccina di Racalmuto che è stata salvata, praticamente in extremis, dai medici dell'unità operativa di Pediatria e dal medico endoscopista dell'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento. Aveva ingoiato, ieri sera, involontariamente, una monetina di 20 centesimi, ritrovata all'interno dell'abitacolo dell'autovettura della madre. Immediatamente la piccola ha iniziato ad avere difficoltà respiratorie ed è stata subito portata al pronto soccorso di Agrigento dove è stato aperto un "codice rosso". Si sono mobilitati i pediatri, coordinati dal primario Giuseppe Gramaglia, i rianimatori e il medico endoscopista. 

I medici, in primissima battuta, avevano ipotizzato un trasferimento verso Palermo. Poi, la decisione anche molto complicata e delicata. La piccola, in sala operatoria, è stata sedata e l'endoscopista con una pinza è riuscito ad afferrare e a tirare fuori dall'esofago la monetina. E' stata una vera e propria corsa contro il tempo, una corsa che ha consentito - ai medici dell'ospedale di Agrigento - di realizzare il miracolo.

I genitori della piccolina, che è stata già dimessa da Pediatria, hanno ufficialmente ringraziato il primario dell'unità operativa di Pediatria Giuseppe Gramaglia, il dottor Giovanni Di Carlo, l’edoscopista, la rianimatrice Rosalinda Reina coadiuvata da Carmen Liuzzo e tutti gli infermieri della sala operatoria della Chirurgia endoscopica e di Pediatria.

"Non è stato un intervento chirurgico - ha spiegato il primario di Pediatria Giuseppe Gramaglia - . La piccina è stata sedata in sala operatoria e il medico endoscopista è riuscito a tirar fuori la monetina. Adesso la bimba sta bene ed è stata dimessa". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento