Abusi edilizi, c'è il regolamento per applicare sanzioni fino a 20mila euro

Constatata l’inottemperanza all’ingiunzione a demolire le opere illegali, il Comune potrà irrogare la "pena" amministrativa

(foto ARCHIVIO)

Il consiglio comunale ha deliberato. Anche a Racalmuto, adesso, c’è il regolamento per l’applicazione delle sanzioni pecuniarie in materia di abusi edilizi. Un piano di norme che regoleranno, di fatto, l’applicazione dell’irrogazione delle multe agli autori degli abusi. “Il regolamento disciplina i criteri, le modalità e l’applicazione della sanzione amministrativa per l’inottemperanza all’ingiunzione a demolire opere edilizie di nuova costruzione realizzate in assenza del permesso di costruire o in totale difformità o con variazioni essenziali – è stato scritto dal Comune di Racalmuto - . Il regolamento disciplina inoltre le modalità per la rateizzazione delle sanzioni per illeciti in campo edilizio e paesaggistico”.

Come funzionerà l’applicazione delle sanzioni?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’autorità competente – è stato previsto dal regolamento – constatata l’inottemperanza irroga una sanzione amministrativa pecuniaria di importo compreso fra 2 mila euro e 20 mila euro, salva l’applicazione di altre misure e sanzioni previste dalle norme vigenti. Tali sanzioni amministrative, in relazione all’entità delle opere accertate, sono così individuate: opere non quantificabili in termini di volume e di superfici: 2 mila euro. Interventi pertinenziali: fino a 30 metri quadrati, 2 mila euro; oltre 30 metri e fino a 50 metri: 3 mila euro; oltre 50 metri quadrati, 5 mila euro. Interventi di nuova costruzione di carattere residenziale, commerciale, direzionale, produttivo, artigianale, turistico ricettivo: fino a 100 metri cubi, 2.500 euro; oltre 100 metri cubi e fino a 200 metri cubi, 5 mila euro; oltre 200 metri e fino a 350, 7 mila euro; oltre 350 metri cubi e fino a 500 metri cubi, 9 mila euro; oltre 500 metri cubi, 12 mila euro. Per eventuali interventi edilizi non ricompresi all’interno della disciplina del regolamento – è stato specificato – le relative sanzioni e le somme da corrispondere a titolo di oblazione saranno determinate, con provvedimento del responsabile del servizio tecnico, assimilando gli abusi, quando possibile per interpolazione, alle tipologie previste dal regolamento”. Il regolamento ha stabilito, naturalmente, anche le modalità di pagamento e di rateizzazione, nonché la destinazione dei proventi delle sanzioni pecuniarie che andranno a rimpinguare il capitolo di spesa destinato alle demolizioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento