menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Settantenne investita al Quadrivio, acquisite le registrazioni della video sorveglianza

I medici dell'ospedale di contrada Consolida, dopo averla sottoposta a tutti gli esami sanitari necessari, hanno sciolto la prognosi, per una completa guarigione, in circa 10 giorni

Le registrazioni delle telecamere di video sorveglianza, poste a presidio di un supermercato, sono state acquisite. Spetterà, adesso, alla polizia di Stato - che si sta occupando delle indagini sull'investimento di una settantenne al Quadrivio Spinasanta - passarle in rassegna, esaminarle e cercare d'appurare se è visibile o meno l'impatto e soprattutto il mezzo che ha travolto e fatto finire all'ospedale "San Giovanni di Dio" la pensionata agrigentina. Anche ieri, i poliziotti della sezione "Volanti" della Questura erano al lavoro.

La pensionata non è, per fortuna, in gravi condizioni. I medici dell'ospedale di contrada Consolida, dopo averla sottoposta a tutti gli esami sanitari necessari, hanno sciolto la prognosi, per una completa guarigione, in circa 10 giorni. Ieri, però, la donna risultava essere ancora ricoverata perché veniva tenuta sotto osservazione. Non appena le sue condizioni cliniche lo consentiranno, i poliziotti della sezione "Volanti" la ascolteranno. La sua testimonianza potrebbe, infatti, essere la chiave di volta per fare chiarezza sull'accaduto.

Nei momenti successivi all'investimento - verificatosi nella metà mattinata di lunedì - si era parlato, inizialmente, di un'autovettura "pirata". Poi, un'altra testimonianza - raccolta appunto dalla polizia di Stato - aveva parlato anche di un furgone. Furgone che è stato, quasi subito, rintracciato dagli agenti e controllato. Il mezzo non è risultato essere danneggiato in nessuna parte ed il conducente avrebbe riferito ai poliziotti di non aver avuto alcun impatto, d'aver visto l'anziana per terra che veniva soccorsa e d'aver chiesto se c'era, o meno, bisogno del suo aiuto.

Chiarito, dunque, questo primo passaggio investigativo, adesso, i poliziotti stanno cercando di capire se sul posto ci fosse o meno anche un'autovettura. E per questo sembrerebbero essere indispensabili oltre che la testimonianza dell'anziana ferita, anche le registrazioni dell'impianto di video sorveglianza. Registrazioni che, dunque, potrebbero mettere dei punti fermi nelle indagini. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento