rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca

Comuni sempre più in ginocchio, i sindaci dal prefetto: "Pronti alle dimissioni di massa"

I primi cittadini hanno rappresentato lo stato di abbandono in cui versano i municipi e invocano interventi straordinari da parte del Governo

Pronti alle dimissioni di massa se il Governo regionale e nazionale non interverrà con celerità e con misure straordinarie per salvare i municipi siciliani.

Questa mattina i sindaci della provincia di Agrigento hanno rinnovato al prefetto Maria Rita Cocciufa la disponibilità a riconsegnare le proprie fasce tricolori se non si troveranno delle soluzioni concrete a sostegno dei municipi.

"Abbiamo rappresentato oggi le condizioni di insostenibilità dal punto di vista finanziario e del personale di tutti i comuni siciliani, per chiedere risposte concrete al Governo nazionale, quelle risposte che il Governo nazionale ha dichiarato di essere intenzionato a dare ma che non sono mai arrivate - spiega il sindaco di Santo Stefano Quisquina, Francesco Cacciatore -. Oggi abbiamo descritto la drammaticità delle condizioni dei nostri comuni, reiterando la nostra disponibilità a dimissioni di massa per far comprendere che non si tratta di problemi che riguardano un comune o l'altro ma di problematiche che riguardano l'intero sistema degli Enti locali siciliani, che pagano le conseguenze del mancato raccordo tra la speciale autonomia siciliana e il Governo nazionale con la conseguenza che da Reggio Calabria in su i comuni ricevono interventi finanziari e hanno una normativa diversa da quella con cui siamo costretti a confrontarci in Sicilia".

Il prefetto, nell'esortare i sindaci a non arrendersi nonostante le oggettive difficoltà che non consentono più di garantire la tenuta sociale, ha garantito che si farà portavoce delle rivendicazioni dei sinaci a livello nazionale. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comuni sempre più in ginocchio, i sindaci dal prefetto: "Pronti alle dimissioni di massa"

AgrigentoNotizie è in caricamento