rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
La protesta

Lavoratori pubblici condannati al precariato: i sindacati proclamano un sit-in di protesta

Si terrà il prossimo 16 dicembre davanti alla sede della Prefettura: verrà consegnata anche una proposta di modifica normativa rivolta al Ministero

Si terrà il prossimo 16 dicembre, dalle 10 alle 13 un’assemblea sit-in dei lavoratori del pubblico impiego della provincia di Agrigento convocata dai sindacati Cisl Fp, Cgil Fp e Uil Fpl per manifestare la grave condizione vissuta dai lavoratori delle funzioni locali. In particolare, le organizzazioni sindacali, in considerazione della grave situazione di crisi economico finanziaria che investe soprattutto i comuni, che oggi sono in condizione di dissesto o di deficitarietà finanziaria strutturale o in riequilibrio finanziario, con la conseguenza dell’impossibilità di programmare i servizi da rendere alla cittadinanza.

In questi enti sono presenti in misura ormai maggioritaria lavoratori a tempo parziale a 18 o 24 ore settimanali, e manca per loro qualunque effettiva possibilità di adeguamento delle ore di lavoro o di procedere a nuove assunzioni a causa della mancata predisposizione dei documenti contabili nei tempi dovuti. I Comuni, evidenziano dai sindacati, si trovano tra l’altro spesso in condizioni finanziarie gravissime anche a causa della loro scarsa capacità di incassare i tributi locali per mancanza di personale da destinare a questa funzione.
“In buona sostanza - dicono i segretari Salvatore Parello, Enzo Iacono e Fabrizio Danile - i nostri Comuni ormai sono retti dalla buona volontà di questi lavoratori che, nonostante le difficili condizioni lavorative e di contesto, la bassissima remunerazione del loro lavoro, cercano di garantire i servizi agli utenti. La situazione, tuttavia, è divenuta insostenibile”. A causa dei pensionamenti, tra l’altro, sono sempre meno i lavoratori in servizio, che devono farsi carico di sempre maggiori responsabilità: la conseguenza è che l’attuale stato delle cose “non consente più una condizione lavorativa conforme a parametri minimi di tollerabilità e crea semmai gravi disservizi per la cittadinanza.

“E’ necessario - concludono Parello, Iacono e Danile - che venga aperta una seria discussione volta a superare la rigidità normativa che impedisce di avviare una programmazione adeguata sulle politiche occupazionali negli enti locali di questa provincia, congrua rispetto ai servizi che sono chiamati a rendere questi enti di prossimità”.

Per questo i sindacati, per tramite del Prefetto, consegneranno un documento da trasmettere alla Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori pubblici condannati al precariato: i sindacati proclamano un sit-in di protesta

AgrigentoNotizie è in caricamento