Calci alle porte e barelle per aria, 38enne in escandescenze: caos al pronto soccorso

L'uomo è stato bloccato dai carabinieri – che sono stati chiamati al 112 – e la sua posizione è al vaglio. Sembra scontato che scatti l'arresto per resistenza a pubblico ufficiale

Una veduta del pronto soccorso

Calci e pugni contro le porte del pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” e barelle e sedie scaraventate a destra e a manca. Pronto soccorso messo, dunque, a soqquadro, nella serata di sabato, da un trentottenne empedoclino. Trentottenne che è stato bloccato dai carabinieri – che erano stati chiamati al 112 – e la cui posizione ieri risultava essere ancora al vaglio. Ieri sembrava scontato però che scattasse l’arresto, se non altro per l’ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale. E questo perché pare che l’uomo, alla vista dei carabinieri, non si sia affatto calmato ma avrebbe continuato ad andare in escandescenze.

Il trentottenne empedoclino, già agli arresti domiciliari, nel tardo pomeriggio di sabato ha chiesto ed ottenuto di andare in ospedale. A quanto pare non stava affatto bene. Non è chiaro cosa sia avvenuto al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” – e non lo è anche perché ieri era fitto, anzi categorico, il riserbo degli investigatori -, ma ad un certo punto pare che l’uomo sia andato in escandescenze. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sanitari hanno, inevitabilmente, richiesto l’intervento delle forze dell’ordine. E’ stato composto il 112 e dalla centrale operativa dei militari dell’Arma l’Sos è stato smistato alla prima pattuglia disponibile. Quando i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Agrigento sono giunti a contrada Consolida, il trentottenne era – a quanto pare – ancora su tutte le furie. E alla vista dei militari dell’Arma non si sarebbe affatto calmato. Sarebbe stato, dunque, bloccato a fatica dai militari che lo hanno portato in caserma. La sua posizione pare che sia al vaglio. Ieri, nonostante il fitto riserbo degli investigatori, sembrava scontato che scattasse un arresto per l’ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento