rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca

"Promozione illegittima di un dirigente dell'Asi", assoluzione definitiva per Sorce

Il pubblico ministero Andrea Maggioni non ha impugnato la sentenza che scagionava il componente del comitato direttivo

La Procura della Repubblica di Agrigento rinuncia a impugnare l'assoluzione dell'imprenditore Giuseppe Sorce, ex componente del consiglio direttivo del consorzio Asi, finito sotto processo con l'accusa di abuso di ufficio e scagionato, in primo grado, dal gup Stefano Zammuto.

Il pm Andrea Maggioni non ha appellato la sentenza e, come sottolinea il difensore di Sorce, l'avvocato Salvatore Cusumano, la decisione è passata in giudicato. Sorce, in concorso con altri componenti del direttivo dell'Asi, era accusato di avere deliberato l'illegittima promozione di un dirigente che non avrebbe avuto i requisiti richiesti dalla legge. 

L'inchiesta, che finora non ha trovato riscontro nei processi, è scaturita da una serie di denunce presentate dall'ex commissario dell'Irsap Alfonso Cicero. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Promozione illegittima di un dirigente dell'Asi", assoluzione definitiva per Sorce

AgrigentoNotizie è in caricamento