Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

"Fuocoammare", cittadinanza al regista Rosi e "buona la prima" a Lampedusa

Il regista vincitore dell"Orso d'Oro" al Festival del cinema di Berlino era presente con l'intero cast del docu-film "Fuocoammare" in occasione della prima proiezione a Lampedusa che ha anche registrato anche la visita dell'alto rappresentante dell'Unione europea per gli Affari esteri, Federica Mogherini

Giusi Nicolini ha conferito la cittadinanza onoraria a Gianfranco Rosi «Per avere reso più alto il prestigio dell'intera comunità delle Pelagie, distinguendosi come vincitore della Berlinale con Fuocoammare, film di straordinario pregio artistico e culturale e atto di amore verso le isole. Per aver contribuito a sensibilizzare l'opinione pubblica mondiale sull'emergenza umanitaria nel Mediterraneo, a difendere i diritti umani e i valori della solidarietà e dell'accoglienza».

Il regista vincitore dell"Orso d'Oro" al Festival del cinema di Berlino era presente con l'intero cast del docu-film "Fuocoammare" in occasione della prima proiezione a Lampedusa. Nel corso della stessa giornata l'isola pelagica ha anche registrato la visita dell'alto rappresentante dell'Unione europea per gli Affari esteri, Federica Mogherini, che con il sindaco Nicolini, così come con Rosi e il prefetto e il questore di Agrigento, ha espresso la propria visione in tema di immigrazione di accoglienza soprattutto dopo la visita al centro di accoglienza dell'isola.

«Lampedusa e i lampedusani hanno fatto ed insegnato molto in termini di accoglienza e umanità - ha detto il funzionario Ue -, ma è adesso il momento che sia l'Europa a fare il suo dovere. L'Europa dovrebbe vergognarsi dei muri che alcuni dei suoi Stati membri vogliono erigere. Dopo i due più terribili naufragi della storia del Mediterraneo, quello del 3 ottobre 2013 e del 18 aprile 2015, l'immigrazione è oggi diventata questione europea», avrebbe aggiunto Morgherini.

«Bisogna evitare che continuino a verificarsi scene come quelle che ho visto e documentato a diciotto miglia dalla costa libica in cui hanno perso la vita cinquanta persone», le ha fatto eco Rosi.

Dopo il conferimento della cittadinanza onoraria ha avuto luogo, in piazza Martiri d'Italia, la proiezione del documentario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fuocoammare", cittadinanza al regista Rosi e "buona la prima" a Lampedusa

AgrigentoNotizie è in caricamento