menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lampedusa, progetto "Sos giovani" sulle spiagge delle Pelagie

Sotto il gazebo gonfiabile, montato per l'occasione, una quindicina di operatori del progetto e diversi volontari hanno dato il benvenuto ad un centinaio di piccolissimi bagnanti proponendo loro attività ludico didattiche con la finalità di voler sensibilizzare sul delicato tema dell'ambiente, troppo spesso trascurato da una fruizione poco rispettosa delle spiagge e del mare

L’estate lampedusana si riscalda dell’entusiasmo dei giovani della onlus "Alternativa Giovani" che in continuità alle attività del progetto "Sos Giovani", finanziato nell’ambito dei fondi Pac dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei ministri, e svolto con la collaborazione dell’Istituto "Luigi Pirandello", stanno rendendo viva la loro presenza sulle spiagge della più grande isola delle Pelagie.  

Sotto il gazebo gonfiabile, montato per l’occasione, una quindicina di operatori del progetto e diversi volontari hanno dato il benvenuto ad un centinaio di piccolissimi bagnanti proponendo loro attività ludico didattiche con la finalità di voler sensibilizzare sul delicato tema dell’ambiente, troppo spesso trascurato da una fruizione poco rispettosa delle spiagge e del mare. Le attività di informazione stanno facendo da cornice alle afose giornate di caldo con efficaci azioni di educazione riguardo alla modalità di raccolta differenziata, alla conoscenza dei più o meno noti esemplari di fauna e flora marina che rendono ineguagliabile il mare che lambisce le coste dell’isola più a sud d’Europa.

Stupore e partecipazione è stata la risposta dei bagnanti che hanno avuto l’occasione per riflettere sull’importanza di mantenere pulite le spiagge e il mare evitando l’abbandono di cicche di sigarette o di qualsiasi altro materiale inquinante che potrebbe compromettere la salvaguardia dell’ambiente. 

Per favorire questo processo di protezione del suolo sabbioso sono stati distribuiti tra i turisti presenti alcuni posacenere tascabili e riutilizzabili spiegando loro quanto siano importanti azioni di questo genere per evitare danni irreparabili alla natura cosi come al processo di vita di alcune specie animali che possono morire per soffocamento dovuto all’ingestione accidentale di rifiuti, in particolare le buste di plastica che vengono scambiate per meduse dalle tartarughe Caretta caretta, che popolano il mare delle pelagie. 

Inoltre, grazie ad una canoa, gli operatori hanno effettuato un monitoraggio della costa accostandosi alle imbarcazioni per spiegare loro le regole del codice della navigazione e del rispetto del mare.

«La tutela del mare e la rispettosa fruizione dell’ambiente circostante è alla base di una crescita sociale, oggi più che mai necessaria - dicono gli organizzatori -. Da anni puntiamo sulla conoscenza, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturalistico ed ambientale delle Pelagie, nella convinzione che essi rappresentano obiettivi strategici per l’affermazione di un positivo rapporto con il territorio  di appartenenza e per uno sviluppo turistico sostenibile».  

"Alternativa Giovani onlus" grazie a questo progetto di “cittadinanza attiva” prevede numerose altre azioni sul territorio al fine di mantenere vigile il bisogno di salvaguardare Lampedusa e Linosa poiché esse possano esprimersi in toto nella loro naturale e impareggiabile bellezza.

Oggi e domani, domenica 26 luglio, gli operatori del progetto "Sos Giovani" saranno presenti per tutta la giornata nella spiaggia di Cala Croce.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento