menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aics, presentato a Sciacca il progetto "Legalità... Un gioco da ragazzi"

Questo progetto sarà promosso in tutto il territorio provinciale. 
La finalità principale è la diffusione tra i giovani in età scolare (14-­19 anni) di una mentalità fondata sui principi costituzionali di legalità, democrazia, uguaglianza e solidarietà come impegno nella lotta alla criminalità organizzata, al contrasto del fenomeno criminoso e dell’illegalità

Questa mattina nell’aula magna del Liceo classico “Tommaso Fazello” di Sciacca si è tenuta la presentazione del progetto "Legalità... Un gioco da ragazzi". Il progetto è organizzato dall’Aics di Agrigento con la partnership di due associazioni della provincia: il "Gruppo di volontariato Vincenziano" di Aragona presieduto da Gabriella Giacco e l’Organizzazione nazionale di volontariato "Giubbe d’Italia" di Cattolica Eraclea presieduto da Vito Salvo, unite in questa attività che sta per essere svolta nelle scuole della provincia di Agrigento.

Il progetto è finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per la Gioventù – Avviso “Giovani per il Sociale” ed ha come scopo quello di promuovere la legalità tra giovani, attraverso l’impegno civico e la partecipazione attiva nelle problematiche sociali, la cooperazione in attività di sostegno alle fasce deboli, la promozione di attività che avvicinino i giovani alle istituzioni. Infatti verranno organizzati incontri con attività coinvolgenti (visione di film tematici, brevi relazioni sul tema legalità e animazioni socio­culturali) per sensibilizzare e stimolare i destinatari del progetto alla partecipazione.

Questo progetto sarà promosso in tutto il territorio provinciale. ?La finalità principale è la diffusione tra i giovani in età scolare (14-­19 anni) di una mentalità fondata sui principi costituzionali di legalità, democrazia, uguaglianza e solidarietà come impegno nella lotta alla criminalità organizzata, al contrasto del fenomeno criminoso e dell’illegalità.

Il presidente provinciale dell’Aics, Giuseppe Petix, a nome delle tre associazioni che organizzano il progetto evidenzia l’importante finalità orientata alla creazione di una coscienza civile volta al rispetto delle regole comuni, l’educazione alla memoria e al rispetto di quanti hanno perso la vita nella lotta alla mafia, alla violenza e alla prevaricazione, la divulgazione e il consolidamento della cultura antimafiosa con comportamenti improntati al rispetto delle leggi e alla tolleranza, la creazione di condizioni per un più efficace inserimento lavorativo dopo la scuola, soprattutto dei soggetti più deboli.

I tutor del progetto sono rispettivamente Luigi Corvino, Laura Cuffaro e Caterina Farruggia e coordineranno tutti gli operatori ad eseguire le  attività culturali, formative e sportive finalizzate a consolidare nei giovani una nuova coscienza democratica proiettata alla lotta della cultura mafiosa, della illegalità e dei fenomeni territoriali di criminalità e degrado ambientale. Le attività saranno: seminari, convegni, cineforum, estemporanea di pittura, concorso di cortometraggio, tornei e stage sportivi: calcio, nuoto, mountain bike oltre alla gestione di diversi laboratori teatrali e musicali. 

Sarà attivo anche lo sportello di counselling e di orientamento per gli studenti. Grande soddisfazione espressa dalla Prof.ssa Giovanna Pisano, Dirigente Scolastico dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Fazello" che oltre al Liceo classico comprende anche il Liceo artistico "Bonachia" di Sciacca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento