"Vi do 75mila euro per sterminare la mia famiglia e uccidere l'onorevole", il piano salta: indagato pregiudicato

Quarantenne finisce sotto inchiesta dopo che i due "killer designati" si sono rifiutati e l'hanno denunciato

Cinquantamila euro per l'omicidio dei genitori e del fratello e 25mila per rapinare in casa e uccidere un ex deputato e la moglie. La proposta, sostiene l'accusa, sarebbe stata fatta da un pregiudicato agrigentino a due africani che, però, si sono rifiutati e hanno registrato le conversazioni, risalenti al 2015, denunciandolo.

La Procura gli contesta adesso il reato di istigazione a delinquere e chiede che venga disposta, con le forme dell'incidente probatorio, una perizia psichiatrica per accertare se l'indagato, che ha nominato come difensore l'avvocato Salvatore Pennica, "era capace di intendere e volere al momento dei fatti, è capace di partecipare al processo ed è pericoloso socialmente".

Il gip Stefano Zammuto ha dato il via libera all'accertamento e ha fissato il conferimento dell'incarico alla psichiatra Cristina Camilleri per lunedì. Il quarantenne, sostiene l'accusa, avrebbe avuto l'intenzione di sterminare la famiglia con la quale ha avuto una serie di contrasti sfociati in altri processi per presunte aggressioni, e avrebbe cercato di ingaggiare due killer pagando loro il "lavoro" 50 mila euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le armi per la strage, secondo quello che sarebbe stato il suo progetto, sarebbero state procurate da un rumeno di nome Alì. Nel mirino dell'uomo, attualmente agli arresti domiciliari per un'accusa di stalking ai danni di un'intera famiglia, sarebbe finito pure un anziano ex deputato, col quale pure aveva avuto dei contrasti, che avrebbe voluto fare uccidere insieme alla moglie dopo averli rapinati. Il prezzo sarebbe stato inferiore, 25 mila euro, perchè i due killer, secondo il suo piano, sarebbero stati ripagati anche con l'incasso della rapina nella loro abitazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • La pistola illegale carica trovata nel negozio di Pelonero, tre indagati

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Il Coronavirus spaventa ancora, Musumeci e Razza: "Se contagi salgono si chiude"

  • Frana il costone di Maddalusa, solo paura per i bagnanti: nessun ferito

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento