Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca Centro città / Via Francesco Crispi

Chiama al supermercato: "C'è una bomba!", denunciato diciottenne

Quando l'esercizio commerciale è stato controllato da cima a fondo, è stato accertato che all'interno non vi era, per fortuna, niente

Una pattuglia della polizia di Stato

"Procurato allarme". E' di questa ipotesi di reato che dovrà rispondere un diciottenne di Agrigento. Un ragazzo che è stato denunciato dalla polizia di Stato alla Procura. 

Sabato scorso, al telefono del direttore di un supermercato di via Crispi è arrivata una telefonata d'allarme: "Attenzione, c'è una bomba all'interno dei locali". Questa, grosso modo, il contenuto della telefonata. Dal supermercato, in via precauzionale, sono stati allontanati sia i clienti che i lavoratori.

In realtà, quando il supermercato è stato controllato da cima a fondo, è stato accertato che all'interno non vi era, per fortuna, niente. Meno che mai ordigni. Le indagini dei poliziotti della sezione "Volanti" hanno permesso l'identificazione del diciottenne che avrebbe fatto quella telefonata e che dunque è stato denunciato alla Procura. Quasi certamente è stata una bravata. Una bravata che, però, è costata cara al diciottenne.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiama al supermercato: "C'è una bomba!", denunciato diciottenne

AgrigentoNotizie è in caricamento