"I migranti che hanno accusato i pescatori possono fuggire", la Procura chiede di sentirli con urgenza

Il pm vuole procedere con l'incidente probatorio per il rischio che i testimoni "irregolari in Italia" possano fare perdere le tracce: l'inchiesta della Procura avrebbe svelato il metodo della "nave madre"

FOTO ARCHIVIO

"Le testimonianze dei cinque migranti sono imprescindibili per provare la responsabilità degli indagati, la prova non è rinviabile perchè potrebbero rendersi irreperibili essendo cittadini irregolari e il tempo potrebbe pregiudicare i ricordi". Con queste motivazioni il pubblico ministero Gloria Andreoli chiede di sentire, "con massima urgenza", i cinque migranti - di età compresa fra i 15 e i 21 anni - che sarebbero stati portati in Italia, a Lampedusa, dai componenti di un peschereccio tunisino.

A decidere, nei prossimi giorni, sarà il gip. I componenti del motopesca tunisino "Hadj Mhamed" di 27 metri, sono stati fermati dalla Guardia di Finanza il 28 luglio. Il giudice Alessandra Vella, al termine degli interrogatori e dell'udienza, ha convalidato il provvedimento nei confronti dei venti indagati, accusati di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, e disposto la custodia in carcere per la metà di loro.

Per gli altri dieci non è stata applicata alcuna misura cautelare. "Non si ritiene che tutti i soggetti facenti parte dell'equipaggio abbiano apportato un contributo" – ha scritto il gip. L'accusa è quella di avere fatto entrare illegalmente almeno cinque tunisini, che avevano pagato 4 mila dinari a testa per essere trasportati dalle coste vicino al porto di Mahdia (Tunisia) a Lampedusa, col sistema della "nave madre": a poche miglia dall'isola i migranti sarebbero stati imbarcati su uno dei tre barchini a motore a disposizione del motopesca e indirizzati verso la terraferma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quest'ultimo passaggio è saltato perchè due membri dell'equipaggio si sono gettati in acqua attirando l'attenzione di Finanza e Capitaneria. L'operazione è stata coordinata dal procuratore aggiunto di Agrigento, Salvatore Vella, e dal pm Gloria Andreoli. I migranti hanno confermato le accuse nei confronti di gran parte degli indagati, riconoscendoli anche in foto. La Procura, adesso, vuole cristallizzare la prova e renderla utilizzabile al processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento