Agrigento, proclamazione sciopero addetti pulizie ex Ospedale psichiatrico

Gli addetti ai servizi di pulizie dell’ex Ospedale psichiatrico di Agrigento, sono «costretti ad adire a forme di lotta sindacale»: la cooperativa non può garantire i regolari pagamenti degli stipendi, poiché l’Asp nei confronti della stessa cooperativa ha un ritardo nel pagamento delle fatture inerenti i servizi prestati da agosto 2015

Gli addetti ai servizi di pulizie dell’ex Ospedale psichiatrico di Agrigento,  per rivendicare un diritto sancito dalla legge e dal Ccnl ( La retribuzione ) ancora una volta  sono costretti ad adire a forme di lotta sindacale. 

«Anno nuovo, storia vecchia - dice Franco Castronovo di Filcams Cgil -: i lavoratori pur continuando a garantire il servizio ad oggi devono ancora percepire gli stipendi di dicembre 2015 e la tredicesima 2015. La scorsa settimana, in presenza di una delegazione di lavoratori, col fine specifico di poter evitare lo sciopero che provocherebbe effetti sicuramente sostanziali sulla tenuta dei regimi igienico - sanitari, si è svolto un incontro, con i dirigenti della Cooperativa Ipacem (titolare dell’appalto), il presidente signor Antonio Zarcone ci ha riferito che la cooperativa non può garantire i regolari pagamenti degli stipendi, poiché l’Asp nei confronti della stessa cooperativa ha un ritardo nel pagamento delle fatture inerenti i servizi prestati, da agosto 2015.

Riteniamo che le discordie tra Ente committente e Cooperativa, non possono essere causa di mancato pagamento dello stipendio, va ricordato che il contratto di appalto regola i rapporti tra committenza e cooperativa e il Ccnl regola i rapporti tra lavoratori e azienda, va anche ricordato che l’art.18 del Ccnl per il personale dipendente da imprese di pulizie e multiservizi, cita a chiare lettere che la retribuzione deve essere pagata ogni fine mese e qualora l’impresa ritardi di oltre 10 giorni  decorreranno di pieno diritto gli interessi del 2per cento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ancora una volta chiediamo un intervento autorevole del prefetto di Agrigento, atto a far si che la legge e i contratti vengano rispettati. Visto che tale problema investe come al solito una tra le tante categorie più disagiate del mondo del lavoro, la Filcams-Cgil insieme ai lavoratori stessi, proclamano lo stato di agitazione della categoria e comunicano che se entro pochi giorni non dovessero arrivare notizie utili a garantire il regolare pagamento degli emolumenti, nostro malgrado saremo costretti ad adire allo sciopero ad oltranza per il rispetto di norme sancite dalla legge». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Temporali in arrivo, diramata una nuova allerta meteo "gialla"

  • Frana il costone di Maddalusa, solo paura per i bagnanti: nessun ferito

  • Il Coronavirus spaventa ancora, Musumeci e Razza: "Se contagi salgono si chiude"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento