menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il pm Santo Fornasier

Il pm Santo Fornasier

Agrigento, processo "centri commerciali": pm chiede assoluzione degli imputati

Santo Fornasier ha chiesto l'assoluzione per i 14 imputati del processo sulla realizzazione di due centri commerciali a Villaseta e Villaggio Mosè. Assoluzione anche per una delle principali imputazioni, ovvero l’estorsione contestata all’imprenditore Gaetano Scifo

Il pubblico ministero Santo Fornasier ha chiesto l'assoluzione per i 14 imputati del processo sulla realizzazione di due centri commerciali a Villaseta e Villaggio Mosè, in corso al Tribunale di Agrigento. La richiesta del magistrato, giunta al termine della sua lunga requisitoria, riguarda ex amministratori, funzionari comunali e imprenditori coinvolti, a vario titolo, nella vicenda. 

Si tratta di Calogero Noto Campanella, Pasquale Vinciguerra, Giuseppe Principato, Salvatore Pinnisi, Francesco Vitellaro, Piero Vinti e Melchiorre Piraneo, tutti funzionari o ex funzionari del Comune di Agrigento; l’ex sindaco di Agrigento, Aldo Piazza; l’ex comandante della polizia municipale Vincenzo Nucera; gli imprenditori Carmelo Condorelli, Calogero Saeva, Gaetano Scifo, Gianni Marianelli ed Aniello Setola

I reati sono abuso in atti d’ufficio, tentata estorsione, per il solo Scifo, nonché truffa aggravata ai danni della Comunità Europea, per la vicenda Moses. Secondo il pubblico ministero non ci fu nessuna pressione per bloccare il progetto concorrente, né sono stati commessi reati nel rilascio delle autorizzazioni. Per tutti assoluzione perché "il fatto non costituisce reato" o "il fatto non sussiste". Assoluzione anche per una delle principali imputazioni, ovvero l’estorsione contestata all’imprenditore Gaetano Scifo, che avrebbe chiesto due milioni di euro al referente del progetto concorrente Giuseppe Burgio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento