rotate-mobile
Il ritorno alla vita

“Il primo Natale normale”, bagno di folla in via Atenea: la pandemia è ormai un ricordo

Novene in centro storico, il trenino di Babbo Natale, i mercatini e lo shopping per i regali dell’ultimo minuto ma soprattutto una sensazione di assoluta libertà: esattamente come accadeva prima del Covid

Il centro storico della città dei templi, via Atenea in particolare, sono tornati ai fasti del 2019, cioè ai tempi dell’ultimo “Natale normale” prima del terremoto Covid che ha cambiato radicalmente le abitudini di tutti.

Dopo quelli silenziosi e pieni di paura del 2020 e del 2021, tra green pass e limitazioni di ogni tipo, quello del 2022 è apparso come il “Primo Natale normale” dopo la pandemia. 

Natale e tradizioni, i canti delle novene animano i vicoli del centro: ecco le immagini

Novene, il trenino di Babbo Natale, gli animatori e gli artisti di strada, lo shopping per i regali dell’ultimo minuto  ma soprattutto un’atmosfera perfetta, esattamente come accadeva prima che conoscessimo quell’emergenza sanitaria che sconvolse il mondo intero.

Ma eventi natalizi a parte, ciò che salta all’occhio è la gente che ha riscoperto il piacere di vivere il centro cittadino per “respirare” l’aria natalizia e lasciarsi coinvolgere da tradizioni, condivisione e una vicinanza agli altri che sembrava perduta. 

Il Covid c’è ancora, lo dimostrano i dati dei bollettini che ancora sono lontani dall’azzeramento assoluto del rischio, ma certamente è un paradiso rispetto ai 2 Natali precedenti. Quello della vigilia, oggi, 24 dicembre, è stato l’ultimo pomeriggio di novene natalizie, con le canzoni della tradizione eseguite da zampognari con strumenti tipici, che hanno risuonato in ogni angolo del centro cittadino. Sarà poi una settimana di altre manifestazioni fino ad arrivare all’attesissimo Capodanno in piazza con Achille Lauro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Il primo Natale normale”, bagno di folla in via Atenea: la pandemia è ormai un ricordo

AgrigentoNotizie è in caricamento