Vecchi canoni idrici, quando un credito diventa un debito fuori bilancio

Il consiglio comunale nei giorni scorsi ha dato il "via libera" alla liquidazione di somme per risarcire le spese legali sostenute da alcuni condominii

Canoni idrici del 2006-2007, il Comune cerca di far pagare i condominii ma alla fine è costretto a risarcire le spese legali. Nei mesi scorsi l'ente aveva "bombardato" le unità condominiali con numerose richieste di pagamento di consumi idrici (solo presunti) precedenti alla gestione di Girgenti Acque. In molti avevano deciso di fare ricorso, anche perché si tratta di richieste di pagamento quantomeno "chiacchierate".

Sempre più debiti fuori bilancio, ma la commissione d'inchiesta tarda ad arrivare

Basta infatti guardare indietro nel tempo (nemmeno molto, in realtà) per ricordare un battagliero attivista civico, l'oggi assessore Nello Hamel, sostenere a spada tratta che queste bollette, in realtà, non potevano essere richieste ai cittadini non solo perché calcolate in modo presuntivo, ma anche perché abbondantemente ormai andate in prescrizione. Per i corsi e ricorsi storici va poi detto che la controparte di Hamel fu Massimo Muglia, oggi assessore di Firetto e allora vicesindaco di Zambuto, che stabilì un termine per il calcolo della "validità" di queste richieste di pagamento oggetto di non poche polemiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sentenze sfavorevoli impreviste, al Comune serviranno altre 220mila euro entro l'anno

Il Comune, tuttavia, ha continuato imperterrito a tentare di ottenere il pagamento delle somme, ma, appunto, non sempre l'esito è stato quello sperato. Anzi. Nei giorni scorsi - e non è la prima volta - il consiglio comunale si è appunto trovato a regolarizzare quattro debiti fuori bilancio per un totale di quasi 3mila euro costituiti da pagamenti delle spese legali sostenute dai condominii che hanno impugnato le richieste di pagamento ottenendo ragione. I ricorsi, però, sono decine e adesso bisognerà capire a consuntivo in quanti casi il Comune ha avuto ragione e quante volte è stato "punito". Certo è che è stata la stessa commissione Bilancio a rilevare come in casi di questo tipo a volte il Municipio non riesce nemmeno a costituirsi in giudizio per, pare, una diatriba sulle competenze da parte degli uffici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • L'ultimo bagno della stagione si trasforma in tragedia: annegato un turista 51enne

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento