"Ragazzina abusata sessualmente", le difese: "Minore non attendibile"

Sono stati contestati gli accertamenti eseguiti dal Ris perché fatti senza alcuna notifica a chi era già iscritto nel registro degli indagati e che avrebbe potuto nominare un consulente

Presunti abusi sessuali ai danni di una ragazzina di 13 anni, nella giornata di ieri sono state discusse le posizioni di quattro dei sei indagati. Dinnanzi al tribunale del Riesame di Palermo le difese hanno mettere in chiaro diverse posizioni. Per gli avvocati la minore non è attendibile e inoltre, secondo quanto fa sapere l’edizione odierna del Giornale di Sicilia, sono stati contestati gli accertamenti eseguiti dal Ris perché fatti senza alcuna notifica a chi era già iscritto nel registro degli indagati e che avrebbe potuto nominare un consulente. La Procura della Repubblica di Palermo, invece, con il sostituto procuratore Ferdinando Lo Cascio, sostiene che le dichiarazioni della giovanissima sono attendibili. Lo Cascio, inoltre, insiste per la conferma delle misure cautelari.

Hanno discusso l'avvocato Calogero Lanzarone, che assiste Calogero Friscia, di 25 anni, e Vito Campo, di 69, entrambi menfitani, che nell'interrogatorio di garanzia hanno risposto alle domande del giudice respingendo le accuse. I due, attualmente, si trovano agli arresti domiciliari. E’ stato anche ascoltato il legale di Pietro Crivello, 63 anni finito in carcere e indagato per “induzione alla prostituzione minorile”.  Per le difese il racconto della ragazzina non è attendibile e i legali contestano le esigenze cautelari e i gravi indizi di colpevolezza. Hanno già discusso al Tribunale del Riesame di Palermo chiedendo la revoca delle misure cautelari gli avvocati Antonino Sutera, che difende la madre della ragazzina, e Giuseppe Buscemi, che assiste Vito Sansone, di 43 anni, di Menfi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine è stata coordinata dalla Procura della Repubblica competente per il reato di prostituzione minorile contestato alla madre della tredicenne ed a Civello.  Si attende la decisione dei giudici del Tribunale del Riesame di Palermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: calano i contagi, ma ci sono Comuni dove si registra un'impennata

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

  • Coronavirus: boom di contagi in città (+7), Licata (+7) e Canicattì (+10), positivi alunni, docente e operatore: scuole chiuse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento