Le presunte "pressioni" di Lombardo contro la discarica dei Sodano

Il funzionario regionale, "al servizio" - secondo l'accusa - dei due imprenditori agrigentini, avrebbe ricevuto telefonate da diversi esponenti politici, tra cui l'allora presidente della Regione. Poi l'idea dei fratelli Sodano: "Denunciamo tutto alla Dda"

Raffaele Lombardo

Tra le intercettazioni raccolte dagli inquirenti nell'ambito dell'operazione di stanotte (conclusasi con 5 arresti), anche quella in cui i due imprenditori agrigentini Nicolò e Calogero Sodano – ascoltati mentre parlavano nella loro auto con l'avvocato Gerlando (Dino) Alonge e con una donna non identificata - manifestavano le loro preoccupazioni sull’esito dell’iter autorizzativo per la realizzazione di una discarica a Pachino (Siracusa) da loro gestita che, a seguito di proteste sollevate dalla comunità locale, rischiava seriamente di non andare in porto in ragione anche degli ostacoli posti in essere da alcuni esponenti politici.

Ad assecondare le proteste sarebbe stato l'allora deputato regionale Pippo Gennuso, il quale - a dire dei Sodano - avrebbe preso parte alla conferenza dei servizi appositamente convocata, nel corso della quale si sarebbe opposto alla realizzazione del progettoEd è proprio nel corso di questa discussione che i fratelli Sodano hanno raccontato di pressioni di autorevoli politici (su tutti, l'allora presidente della Regione, Lombardo Raffaele) ricevute dal Cannova.

UNO STRALCIO DELL'INTERCETTAZIONE:
- Calogero Sodano: Dino..., CANNOVA mi chiama: "Lillo in mezzo ai guai sono";  Dottore che c'è... "Mi chiamano tutti i politici, mi chiama pure il  Presidente LOMBARDO, mi dice il Presidente LOMBARDO vedi di revocare  questa, questa discarica perchè altrimenti il posto ti giochi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un intreccio di relazioni tale da indurre i Sodano a paventare una loro possibile denuncia alla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, alla quale avrebbero voluto segnalare le interferenze nell’iter burocratico, a loro dire inquinato da pressioni illecite provenienti dalla "mafia politica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • Giovane torna da Malta e risulta positivo al Covid, emigrato sabettese ricoverato a Malattie infettive

  • Temporali in arrivo, diramata una nuova allerta meteo "gialla"

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Disoccupato 37enne si toglie la vita, i carabinieri avviano le indagini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento