"Preso con 70 grammi di droga in casa", convalidato arresto di 36enne

Salvatore Pitrone è stato bloccato dai carabinieri mentre parlava davanti al bar con un pregiudicato

FOTO ARCHIVIO

Arresti domiciliari con l'autorizzazione ad uscire per andare al Comune, dove lavora nell'ambito dei progetti per i cantieri di servizi. Il gip Francesco Provenzano ha convalidato l'arresto e applicato una misura cautelare nei confronti di Salvatore Pitrone, agrigentino, 36 anni, arrestato venerdì dai carabinieri con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di droga.

Pitrone, che ha nominato come difensore l'avvocato Davide Casà, era stato sorpreso dai militari nei pressi di un bar mentre parlava con un altro noto pregiudicato.

La circostanza li ha insospettiti e ha fatto scattare un controllo domiciliare durante il quale Pitrone ha consegnato spontaneamente circa 70 grammi di marijuana, divisi in due confezioni. Il giudice non ha creduto alla giustificazione del trentenne che ha detto di averla acquistata solo per consumarla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento