rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Presi con un chilo di cocaina, una condanna a 8 anni e un'assoluzione

L'unico responsabile è stato ritenuto Roberto Lampasona, 40 anni, di Santa Elisabetta. Scagionati Antonino Mangione, 37 anni, di Raffadali, e la compagna di quest'ultimo Rosaria Fragapane Renna, 33 anni

Otto anni di reclusione per il quarantenne di Santa Elisabetta Roberto Lampasona: è lui, secondo il giudice monocratico Maria Alessandra Tedde l’unico responsabile del trasporto di un chilogrammo di cocaina dalla Calabria.

Assoluzione per Antonino Mangione, 37 anni, di Raffadali e Rosaria Fragapane Renna, 33 anni, compagna di Mangione che all’epoca dei fatti, il 22 novembre del 2015, fu solo denunciata a piede libero. Mangione, Lampasona e una terza persona – Vincenzo Politanò, 66 anni, di Melicuccà (Reggio Calabria) – furono, invece, arrestati dalla squadra mobile di Agrigento.

I quattro erano stati fermati all’alba sulla strada statale 640 insieme a Politanò. A bordo di uno dei due mezzi, infatti, gli agenti della squadra mobile di Agrigento – che li stavano pedinando – hanno trovato un chilo di cocaina diviso in due involucri. La svolta si è avuta la notte tra il 21 e il 22 novembre del 2015, poco dopo l’una, quando i telefonini di Lampasona e Mangione risultavano agganciati alla stessa cella telefonica a Palmi, in Calabria. Da quel momento i due uomini che viaggiavano insieme a Rosaria Fragapane Renna, 31 anni, compagna di Mangione, non sono stati persi di vista sino in Sicilia. Nei pressi di Caltanissetta l’autovettura con i tre agrigentini a bordo è stata affiancata dall’autovettura di Politanò per poi continuare il viaggio, apparentemente separati sino al primo bivio per Canicattì dove tutti sono stati fermati dalle auto civetta della Mobile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presi con un chilo di cocaina, una condanna a 8 anni e un'assoluzione

AgrigentoNotizie è in caricamento