Lunedì, 15 Luglio 2024
La maxi operazione

"Da Marsiglia a San Leone con 79 chili di hashish nel bagagliaio": due arresti, terzo complice fugge fra le campagne

La guardia di finanza ha iniziato il pedinamento a Sacchitello bloccando poi, in due fasi, le auto che procedevano a "staffetta" per sfuggire ai controlli. Uno dei tre, quando è stata trovata la droga, ha lanciato il cellulare sul fiume

Da Marsiglia a San Leone con 79 chili di hashish: la guardia di finanza, che li pedinava fin dall'area di servizio di Sacchitello, li blocca davanti al ponticello di Maddalusa dove uno dei due riesce a liberarsi del cellulare buttandolo sul fiume, subito dopo il ritrovamento dei panetti di un chilo ciascuno.

L'operazione, nella statale 640, ha consentito anche di sequestrare un'auto e identificare un marocchino ritenuto complice dei due francesi, che però è riuscito a fuggire in campagna fingendo di essere collaborativo all'alt degli uomini delle fiamme gialle.

Dossier. Così il crack ha fatto crollare il prezzo della marijuana

L'inchiesta parte da lontano e gli inquirenti non scoprono troppo le carte limitandosi, negli atti, a riferire che si tratta di "informazioni apprese a livello centrale". Tanti ancora gli interrogativi. In ogni caso il gip Giuseppe Miceli - che per quantificare in 200mila euro il valore che avrebbe avuto la droga immessa sul mercato cita le testate di CityNews, AgrigentoNotizie e TriestePrima - ha convalidato gli arresti e disposto, come chiesto dal pubblico ministero Annalisa Failla, la custodia in carcere. 

Gli arresti sono scattati sabato scorso. La guardia di finanza, appresa l'informazione, inizia il pedinamento a Sacchitello: nell'area di servizio vengono notate due auto: una lussuosa Audi Rs5 e una Peugeot 5008.

Cocaina: facile da trovare e sempre più diffusa fra i quindicenni, ecco perché aumentano i traffici illegali

I finanzieri li osservano parlare, senza mai scendere dalle rispettive vetture, e non si avvicinano. Poi inizia la marcia con la modalità "staffetta" ovvero procedono a velocità e a distanza ravvicinata per eludere i controlli.

Le auto svoltano dall'autostrada a Caltanissetta e imboccano la 640 in direzione Agrigento. Una volta arrivati nel capoluogo i finanzieri fermano la Peugeot ma il conducente, dopo avere finto di farsi controllare, fugge in campagna.

Sull'auto non c'è droga ma ci sono i suoi documenti e un cellulare. Un'altra pattuglia blocca i due marsigliesi di 51 e 40 anni che nel frattempo sono arrivati davanti al ponticello di via Maddalusa.

Dalla Germania a Palermo: preso con 80 grammi di droga

In un italiano stentato si mostrano nervosi: inizia il controllo e nel bagagliaio ci sono tre borse con 79 panetti, chiusi e sigillati in involucri, di un chilo di hashish ciascuno. 

L'uomo, quando i finanzieri hanno trovato la droga, ha subito gettato nel fiume il cellulare. All'interrogatorio, nel quale sono stati assistiti dall'avvocato Gianfranco Pilato, hanno dato una versione dei fatti alla quale il gip non ha creduto. 

Il cinquantunenne Mickael Andre Ben Oliel ha detto che la donna, Assia Chabni, di undici anni più giovane, non sapeva nulla, è una sua amica con cui intrattiene una relazione e con cui doveva solo trascorrere una vacanza ad Agrigento. 

"Non posso dirvi chi mi ha commissionato il trasporto perché mi ucciderebbero", ha detto il marsigliese al gip tramite un interprete aggiungendo: "Aspettavo un sms per ricevere istruzioni per la consegna. Non so altro".

Riguardo al marocchino identificato come conducente della Peugeot, di cui lo stesso francese deteneva il passaporto, ha sostenuto che si tratta di un amico che non sapeva nulla.

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Da Marsiglia a San Leone con 79 chili di hashish nel bagagliaio": due arresti, terzo complice fugge fra le campagne
AgrigentoNotizie è in caricamento