menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riqualificazione, illustrati i primi interventi del progetto "Girgenti"

Come spiegato dal sindaco Lillo Firetto "si tratta del primo caso di 'idea' caratterizzata soprattutto da una genesi partecipata"

E' stato presentato nel dettaglio questa mattina il progetto "Girgenti", presentato dall’amministrazione comunale lo scorso agosto a valere sulle risorse del “Bando per la presentazione di progetti per la predisposizione del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia". Finanziato per circa 15milioni 800mila euro, prevede un investimento complessivo che, grazie ai privati, genera oltre 20milioni di euro e che vede anche la presenza dell'università di Palermo.

Come spiegato dal sindaco Lillo Firetto "non si tratterà solo di riqualificazione urbana, ma si tratta del primo caso di progetto caratterizzato soprattutto da una 'genesi partecipata', con una idea di città che fosse condivisa".

Il recupero del centro storico partirà, non appena saranno materialmente stanziati i fondi necessari, dalla riqualificazione delle zone di via Duomo fino a  piazza Don Minzoni e le varie traverse, i cortili compresi tra le vie De Castro e S. Alfonso, delle vie Saponara, Santa Maria dei Greci, salita Sant'Antonio, via Serroy e via Santa Sofia (per un totale di 8 milioni di euro circa). 

In piazza Duomo sono previsti l'interramento dei cavi elettrici e telefonici, la predisposizione per la metanizzazione e il miglioramento dell'illuminazione, oltre che una nuova pavimentazione già concordata con la Sopritendenza. In via Serroy e Saponara, in più, saranno espropriati alcuni magazzini per realizzare un'area di mercato e di botteghe artigianali, con il recupero di un giardino che costituirà un'area a verde interna al centro storico.

Ma, tra gli altri interventi (oggi sono state illustrate essenzialmente otto zone che ne beneficeranno), sono previste anche azioni per agevolare la mobilità: oltre al "parco bici" con 80 stalli per il bike sharing già annunciato saranno, quindi, installati degli elevatori (meno costosi da manutenere rispetto alle scale mobili), uno dei quali sarà posizionato in piazza Marconi, per raggiungere piano Taglialavoro, mentre un doppio ascensore si troverà all'interno dello stabile dell'ex ospedale civile di via Atenea in cui, dopo anni di discussioni mai concretizzatesi, dovrebbe essere finalmente trasferito il polo universitario.

Le stesse zone oggetto di intervento beneficeranno di videosorveglianza. Gli altri interventi di riqualificazione saranno illustrati in una serie di incontri calendarizzati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento