menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Preoccupazione per le sorti dei dipendenti del Cefop di Agrigento

Sono 15 le mensilità non pagate, e le condizioni familiari, pur nelle diversità di status...

Con una lettera indirizzata al presidente della Regione, all'Assessorato alla Famiglia e al lavoro, all'Assessorato alla Formazione professionale, al presidente del Cefop e al direttore regionale Inps, i dipendenti dell'Ente di formazione agrigentina, denunciano il grave stato di incertezza sul loro futuro. "Da diversi mesi - scrivono nella lettera - circolano voci contraddittorie ed atti che sembrano nelle loro dinamiche smentirsi vicendevolmente. Siamo, o forse no, ancora dipendenti del Cefop in ragione degli accordi tra le Parti in causa stipulati, ma non resi formalmente pubblici. Siamo in atto in cassa integrazione in deroga".

"Il periodo di riferimento di Cidg - continua la lettera dei dipendenti Cefop - dovrebbe essere dal primo febbraio al 31 dicembre dell'anno in corso. In atto siamo, in parte, avviati in corsi di aggiornamento professionale  presso vari altri Enti di formazione, per convocazione da parte degli stessi, su mandato dei relativi Uffici del lavoro, mentre ad altri colleghi è stato detto che tali corsi non servono e non sarebbero legittimi. Non abbiamo notizie circa l'utilizzo del fondo di riserva regionale finalizzato, per quanto ci riguarda, anche, al pagamento delle mensilità arretrate (anno 2009 – 2010), che il Cefop non ha ristorato.

"Sono 15 le mensilità non pagate e le condizioni familiari, pur nelle diversità di status, risultano assoggettate ad indebitamenti vari, familiari e da Finanziarie, con mutui in stato di sofferenza rispetto ai pagamenti, nonchè in stato di profondissimo disagio sociale". Pertanto i dipendenti chiedono di "volere attivare tutte le velocizzazioni utili affinchè possiamo ricevere quanto in credito, tra salario e Cidg. Vorremmo, inoltre, conoscere la reale posizione giuriudica e contrattuale, per non rimanere in stato di "sospenzione" per assenza di comunicazioni da parte degli organi istituzionali". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento