Joppolo Giancaxio, precari in adunanza per decidere le azioni da intraprendere

Preoccupa la minaccia indistinta di licenziamenti da parte dei vari enti, oggi in crisi, che fino a oggi hanno impiegato circa 20 mila lavoratori siciliani

precari a Joppolo

C’è sfiducia e serpeggia anche un po’ di allarmismo tra i circa 20mila precari siciliani che vedono minacciato il loro diritto a un posto di lavoro.

Per questo motivo, prima sui blog e sugli altri mezzi virtuali di aggregazione, e ora anche nella realtà, ci si comincia a muovere di comune accordo per decidere sul da farsi.

È quanto accaduto a Joppolo Giancaxio, ieri pomeriggio, dove, presso il centro sociale del Comune, un buon gruppo di precari che lavorano nell’Asp e negli enti locali, ha convocato l’avvocato palermitano Carmelo Pietro Russo, responsabile dell'assistenza legale "Progetto Azione Precari - Sicilia" un esperto in questo settore, per avere delle delucidazioni sul loro futuro, alla luce soprattutto della recente sentenza della corte europea. La quale, sostanzialmente, ha ordinato all’Italia di assumere a tempo indeterminato i lavoratori a contratto.

L’avvocato, che si è detto disponibile, tramite il suo studio legale, ad assistere tutti i lavoratori che ne faranno richiesta, è riuscito ad infondere molta fiducia nelle persone presenti alla riunione, dicendosi convinto che prima o poi la loro situazione verrà normalizzata in quanto secondo una legge italiana dopo tre anni di lavoro continuato, diventa obbligatoria l’assunzione.

Quindi se in Sicilia, fino a oggi, si è legiferato in contrapposizione a questo principio, qualcuno dovrà rendersene conto.

L’avvocato ha indicato due vie per abbreviare tale iter: un ricorso al giudice del lavoro o un esposto alla corte europea che, in ogni caso si è già espressa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I lavoratori precari sono usciti dalla riunione con un po’ di ottimismo in più, ma la crisi che attanaglia tutti gli enti e le amministrazioni pubbliche preoccupa tutti, così come la notizia che a Bagheria già 32 lavoratori sono stati licenziati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane torna da Malta e risulta positivo al Covid, emigrato sabettese ricoverato a Malattie infettive

  • Da Covid-free a incubo contagi, 6 gli ammalati: tutti tornati da Malta, Romania, Belgio e Lombardia

  • Temporali in arrivo, diramata una nuova allerta meteo "gialla"

  • Disoccupato 37enne si toglie la vita, i carabinieri avviano le indagini

  • Torna da Malta e risulta positivo al Covid: nuovo contagio a Porto Empedocle

  • Immigrati ballano nudi sul balcone di casa, agrigentini esasperati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento