Tentano il furto dell'auto ma scatta l'allarme: colpo fallito al posteggio dell'ospedale

Dopo i quattro veicoli portati via, alla banda questa volta è andata male: hanno dovuto rinunciare e allontanarsi rapidamente

Una veduta del posteggio dell'ospedale San Giovanni di Dio

Avrebbe dovuto essere il quinto furto nell’arco di un paio di settimane. Alla “banda dell’ospedale”, questa volta, è però andata male: si è azionato l’antifurto di cui la macchina, che stavano per portare via, era dotata e si sono dovuti fermare immediatamente. Il tentato di furto del nuovo modello di Alfa Romeo, di proprietà di un medico, è stato denunciato alla polizia. E’ accaduto tutto in pieno giorno, sempre nel parcheggio dell’ospedale “San Giovanni di Dio”.

Sono, al momento, quattro i furti di veicoli messi a segno, in poco più di un mese, fra il posteggio e i viali dell'azienda ospedaliera di contrada Consolida. L’ultimo, in ordine di tempo, episodio è rimasto al livello di tentativo appunto. Ma prima era stata portata via l'autovettura di una sanitaria. La macchina era stata lasciata posteggiata mentre la professionista era al lavoro. I colpi che si sono registrati e che, appunto, continuano a registrarsi hanno come bersaglio i mezzi che vengono lasciati posteggiati nella zona esterna dell'ospedale dove l'impianto di video sorveglianza non è funzionante. La polizia ha, intanto, deciso di d’avviare servizi di vigilanza e presidio anche in quell’area.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento