L'agguato in macelleria con la pistola, la difesa: "Non voleva uccidere nessuno ma solo intimorire"

Il fornaio Vincenzo Filippazzo, 47 anni, è accusato di tentato omicidio: il gip decide sulla convalida del fermo

FOTO ARCHIVIO

Si avvale della facoltà di non rispondere e la difesa chiede al giudice di riqualificare l'accusa da tentato omicidio a minaccia. "Non voleva uccidere il macellaio ma solo intimorirlo, l'arma aveva la sicura". Il gip Luisa Turco deciderà nelle prossime ore se convalidare il fermo, come chiesto dal pm Gianluca Caputo, e quale misura applicare nei confronti del fornaio Vincenzo Filippazzo, 46 anni, accusato di avere cercato di uccidere uno dei titolari della macelleria di via Garibaldi, a Porto Empedocle.

I suoi legali Luigi Troja, Alfonso Neri e Salvatore Pennica hanno negato la tesi dell'inceppamento della pistola. La moglie - Antonina Pullara, 44 anni - in un primo momento finita ai domiciliari con l'accusa di detenzione di arma clandestina, è stata liberata dallo stesso pm dopo la testimonianza di un poliziotto e di un finanziere che hanno spiegato che, al contrario, era stata la donna e tentare di disarmare il marito prima che arrivassero i carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'origine del presunto agguato ci sarebbe un messaggio audio, registrato nei mesi scorsi da Antonina Pullara, con cui rilanciava la falsa notizia della positività al Covid-19 della figlia di un macellaio a cui ne seguiva un secondo, diventato virale, in cui invitava la gente a non andare nelle macellerie. Filipazzo, per questo, sarebbe stato brutalmente picchiato da padre e figlio, titolari della macelleria e avrebbe denunciato l'accaduto. Lunedì mattina la decisione di vendicarsi. Al negozio trova, però, il fratello e l'altro figlio dei suoi aggressori. Dopo l'invito ad andare via, avrebbe estratto l'arma e tentato di fare fuoco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Si sente male in spiaggia e si accascia, inutili i soccorsi: muore 66enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento