rotate-mobile
Cronaca Porto Empedocle

"Tenta di uccidere il cognato investendolo con l'auto", riparte processo dopo azzeramento

La presidente del collegio trasferita ad un altro ufficio ma la difesa dà il consenso a utilizzare gli atti

La presidente del collegio Gianfranca Claudia Infantino lascia la prima sezione penale e il processo a carico di Calogero Donato, 28 anni, di Porto Empedocle, accusato di aver cercato di uccidere, investendolo con l'auto, il cognato Yorge Rejes Bellanca, 35 anni, a sua volta imputato per minacce, riparte da capo. Tuttavia i difensori (l’avvocato Serena Gramaglia per Donato e Alba Raguccia per Bellanca) hanno preannunciato che daranno il consenso a utilizzare gli atti già acquisiti al fascicolo e il processo, continuerà senza la necessità di azzerare tutto e riconvocare i testi.

Si torna in aula, davanti al collegio che sarà presieduto dal giudice Alfonso Pinto, per sentire i testi della difesa di Donato. Il giovane avrebbe tentato di uccidere, investendolo con la propria auto, il cognato col quale aveva avuto dei contrasti non meglio precisati. L'episodio al centro del processo sarebbe avvenuto il primo aprile del 2016 in via dello Sport, a Porto Empedocle. Il cognato è, invece, imputato nello stesso procedimento per le minacce che avrebbe proferito all'indirizzo di Donato dopo essere stato vittima del presunto tentativo di omicidio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tenta di uccidere il cognato investendolo con l'auto", riparte processo dopo azzeramento

AgrigentoNotizie è in caricamento