Tari 2016 non pagata, pronti a partire 3.892 avvisi per 1.667.202 euro

L’amministrazione comunale – continuando a condurre la battaglia contro l’evasione tributaria – sta cercando di recuperare quanto fino ad ora non ha incassato

(foto archivio)

Sono 3.892 i contribuenti empedoclini che, per l’anno 2016, hanno completamente o parzialmente omesso il versamento della Tari. Ad approvare il nutrito elenco – dopo aver fatto una certosina verifica delle singole posizioni – sono stati i funzionari del Municipio. L’importo complessivo da recuperare non è di poco conto, specie per un Comune che, negli anni passati, era stato costretto a dichiarare il dissesto finanziario e che, da allora, sta cercando di risalire la china. Il totale da recuperare, dai contribuenti morosi, è di ben 1.667.202 euro. Ed adesso, negli ultimi giorni di fatto, è stato avviato l’iter per spedire i cosiddetti solleciti.

“Sebbene, a seguito di regolare invio di avviso di pagamento, i contribuenti inseriti nell’elenco predisposto dall’ufficio Tributi non hanno – è stato scritto dai funzionari del Municipio di Porto Empedocle - provveduto al versamento di quanto dovuto. Risultano quindi ancora debitori nei confronti dell'amministrazione comunale”. Approvata la “lista di carico”, i funzionari stanno dunque emettendo i relativi solleciti di pagamento da far recapitare a ciascun contribuente moroso. Avvisi di pagamento per la riscossione della Tari 2016 che saranno accompagnati da un F24 per regolarizzare, appunto, ognuno, la propria posizione. Dal palazzo di città è stato, inoltre, stabilito che la riscossione dovrà avvenire in un’unica rata entro il termine di 30 giorni dalla notifica dell’avviso, salvo richiesta di rateizzazione che dovrà però, naturalmente, essere “in armonia al vigente regolamento comunale delle entrate” – è stato precisato - .

Ancora una volta, l’amministrazione comunale – continuando a condurre la battaglia contro l’evasione tributaria – sta cercando di recuperare quanto fino ad ora non ha incassato. Sarà, per gli agrigentini, una fine dell’anno abbastanza complicata visto che il Comune non demorde e porta avanti la lotta all’evasione fiscale. Lotta che va in parallelo con il tentativo di far tornare a “respirare” le casse comunali. Perché sul Municipio, di nubi nere – causate dal dissesto finanziario – ce ne sono state già abbastanza. Porto Empedocle, di fatto, sta facendo esattamente quello che fanno tutti i Comuni: tentare di recuperare quanto gli è dovuto, ma che non viene appunto incassato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento