"Rimettiamoci insieme o pubblico le tue foto nei siti porno", riesame conferma divieto di avvicinamento

L'uomo non avrebbe accettato la fine della relazione con la donna di quasi trenta anni più giovane

Foto archivio

Divieto di avvicinamento confermato per un pregiudicato empedoclino di 58 anni, sul quale pende anche una condanna in appello a 6 anni di reclusione per presunti abusi sessuali ai danni di una bambina. L’uomo è accusato di stalking nei confronti dell’ex fidanzata, di quasi trenta anni più giovane, che avrebbe iniziato a perseguitare – secondo l’accusa – in seguito alla sua decisione di interrompere la loro relazione. I giudici del tribunale del riesame di Palermo, ai quali si è rivolto il suo difensore, l’avvocato Luigi Troja, hanno confermato l’ordinanza cautelare emessa dal gip di Agrigento, Stefano Zammuto.

Gli atti persecutori denunciati dalla ragazza sarebbero iniziati nel giugno del 2017, quando la presunta vittima decise di interrompere la relazione, e durati fino al mese scorso. Il cinquantenne l’avrebbe  tempestata di telefonate e messaggi di insulti minacciando di pubblicare la sua foto sui siti porno. La ragazza sarebbe stata vittima anche di presunti ricatti, indiretti, dello stesso tenore e, in particolare, le sarebbe arrivato il messaggio del suo ex, attraverso il fratello e lo zio, dell’esistenza di alcune registrazioni di conversazioni telefoniche, dal contenuto imbarazzante, in cui parlavano di sesso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E poi ancora: scritte sui muri, pedinamenti, tentativi di entrare nella sua abitazione e lettere infilate sotto la porta di casa. Una vera e propria persecuzione che la donna decise di non sopportare più tanto da sporgere una querela. Il pubblico ministero Alessandra Russo, titolare dell’inchiesta, aveva chiesto al gip una misura cautelare ancora più grave, vale a dire il divieto di dimora e quello di avvicinamento. Il gip ha ritenuto sufficiente solo la restrizione di tenerlo distante almeno 500 metri e vietargli qualunque comunicazione. La misura, adesso, è stata confermata dal tribunale del riesame. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento