rotate-mobile
Cronaca Porto Empedocle

Testate, stalking e minacce all'ex marito, chiesto rinvio a giudizio pure per il nuovo compagno

I due imputati avrebbero pure violato il divieto di avvicinarsi alla loro presunta vittima

"Ti ammazzu, finisti di campari. Io un mi scantu". Una relazione coniugale finita nel peggiore dei modi sfocia nelle persecuzioni. La vittima, in questo caso, sarebbe stato il marito, preso di mira dall'ex moglie e dal nuovo compagno. Il pubblico ministero Sara Varazi ha chiesto il rinvio a giudizio, per le accuse di stalking e lesioni aggravate, di Giuseppe Castronovo, 53 anni e Rosaria Massimino, 40 anni.

I due imputati, che hanno nominato come difensore l'avvocato Teresa Alba Raguccia, compariranno il 6 luglio, davanti al giudice Luisa Turco, per l'udienza preliminare. I fatti oggetti del procedimento sono compresi fra il giugno del 2018 e il novembre dell'anno successivo.

La vittima, sostiene l'accusa, in alcune circostanze sarebbe stato accerchiato dalle auto dei due imputati, strattonato e minacciato senza un particolare motivo. "So i tuoi spostamenti, dove lavori, dove abiti e a che ora torni a casa. Te la faccio pagare". Questa e altre minacce avrebbero avuto come destinatario l'ex marito dell'imputata.

Ma si sarebbe andati molto oltre. Castronovo, il 4 giugno del 2019, si sarebbe avvicinato al rivale e gli avrebbe sferrato una testata al volto. Nel novembre del 2019, inoltre, avrebbero violato il provvedimento che imponeva loro di non avvicinarsi alla vittima che aveva già presentato le prime denunce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Testate, stalking e minacce all'ex marito, chiesto rinvio a giudizio pure per il nuovo compagno

AgrigentoNotizie è in caricamento