menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Porto Empedocle

Porto Empedocle

Porto Empedocle sommersa dai rifiuti, i sindacati proclamano altri due giorni di sciopero

Gli operatori ecologici, che da quattro giorni si astengono arbitrariamente dal servizio, rimangono con le braccia incrociate e non hanno alcuna intenzione di tornare a lavorare

La Prefettura non precetta, contrariamente a quanto auspicato dal sindaco di Porto Empedocle: Ida Carmina, gli operatori ecologici. I sindacati - la Fit Cisl nello specifico - proclamano, per il 26 e il 27 febbraio, altri due giorni di sciopero. Il tutto accade mentre, nella città marinara, dallo scorso lunedì i rifiuti rimangono lungo strade e marciapiedi. Lunedì, appunto, lo sciopero era proclamato e concordato ufficialmente. Dall'indomani ad oggi, invece, si tratta di una astensione arbitraria - dunque abusiva - dal servizio.  

E un comportamento del genere è già costato una denuncia, alla Procura della Repubblica di Agrigento, per 25 netturbini dipendenti del consorzio di imprese Realmarina. Consorzio di imprese che non hanno accettato - a dire del sindaco di Porto Empedocle - una sorta di anticipo di circa il 60 per cento: quanto c'era in cassa. 

Raccolta dei rifiuti ferma da 4 giorni, il Comune cerca nuove ditte 

I sindacati hanno anche chiesto un incontro urgente con la Prefettura che, al momento, non ha attivato - contrariamente al passato - alcun tavolo di concertazione e raffreddamento. 

IL VIDEO. Cumuli di rifiuti lungo le strade, vietato il mercatino settimanale 

Il sindaco: "In cassa non ci sono abbastanza soldi, aspettiamo Stato e Regione"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento