Cronaca Porto Empedocle

Aggrediti due assessori e bloccata la raccolta, scoppia la "guerra" a Porto Empedocle

L'arrivo della ditta sostitutiva per la raccolta dei rifiuti ha provocato la reazione furiosa di alcuni netturbini in sciopero non autorizzato

Proteste, minacce e una vera e propria aggressione a danno di due componenti dell'Amministrazione comunale si sono consumate questa mattina a Porto Empedocle. La protesta da parte, pare, dei netturbini al momento in astensione arbitraria dal lavoro da oltre una settimana, è  scoppiata quando i mezzi per il servizio di raccolta alternativo, affidato ad una ditta diversa dal raggruppamento della Realmarina, sono entrati in città.

52136287_10219020583213985_8025766010327924736_n-2

Prima si è impedito a questi di effettuare il proprio lavoro, poi le "attenzioni" si sono spostate su due componenti dell'Amministrazione comunale, cioè Salvatore Urso e Giuseppe Sicilia, che stavano seguendo le operazioni comunque scortati dalle forze dell'ordine. Nei momenti concitati della protesta sarebbe volato qualche spintone. 

Sodano: "Occorre pazienza e resilienza"

I netturbini, che avrebbero anche resistito al tentativo della polizia di sedare gli animi, si sono poi seduti a terra e hanno impedito ai mezzi di proseguire. In città si sono prontamente recati uomini di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza oltre che della Polizia locale.

Il sindaco Ida Carmina ha contattato la Prefettura per chiedere come agire. "Non è possibile che avvengano fatti di questo tipo. Lo Stato deve intervenire, la città non può rimanere ostaggio di pochi".

IL VIDEO - Minacce e spintoni per la raccolta dei rifiuti, il sindaco Carmina: "Reazioni scomposte"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggrediti due assessori e bloccata la raccolta, scoppia la "guerra" a Porto Empedocle

AgrigentoNotizie è in caricamento