menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Questura di Agrigento

La Questura di Agrigento

La maxi rissa di Porto Empedocle, dopo gli arresti arrivano i Daspo

A firmare i quattro divieti di partecipazione alle manifestazioni sportive, con interdizioni dai 3 ai 4 anni, è stato il questore Rosa Maria Iraci

Quattro Daspo (divieto di partecipazione alle manifestazioni sportive) - con interdizioni dai 3 ai 4 anni - per altrettante persone già arrestate. A firmarli è stato il questore di Agrigento Maria Iraci. E lo ha fatto per scongiurare episodi di violenza e la commissione di reati in occasione di manifestazioni  calcistiche e sportive in genere. Ai quattro è stato, dunque, vietato l’ingresso e la sosta nei pressi degli impianti sportivi durante gli incontri ed il transito nelle strade interessate dal passaggio delle squadre e dei supporters.

Si tratta di provvedimenti scaturiti - hanno reso noto dalla Questura - da un evento verificatosi lo scorso 1 marzo, a Porto Empedocle, quando i quattro giovani erano rimasti coinvolti in una violenta rissa per futili motivi. Alla vista della polizia i rissanti cercavano di dileguarsi. Gli uomini del commissariato "Frontiera" sono però riusciti ad identificare i quattro che, nel tentativo di divincolarsi per sfuggire al controllo, hanno picchiato gli agenti con calci e pugni e con dei morsi, facendoli finire al pronto soccorso. 

La maxi rissa di Porto Empedocle, 4 arresti e 6 feriti: lesioni anche per i poliziotti

Negli ultimi 12 mesi, per eventi simili, la Questura di Agrigento ha irrogato in provincia oltre 100 Daspo e più di 30 Dacur e cioè il divieto di frequentare determinati esercizi pubblici dove i sanzionati si sono resi responsabili di condotte violente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento