Presi con 7 quintali di rame rubato, chiesta condanna di due empedoclini

Gli imputati sono stati arrestati dopo una perquisizione in casa di uno di loro

Giuseppe Angarussa

Due anni e quattro mesi di reclusione per l’accusa di ricettazione. Sono stati chiesti dal pubblico ministero Gloria Andreoli nei confronti di Giuseppe Angarussa, 34 anni, di Porto Empedocle e Roberto D’Amico, 29 anni, di Cattolica Eraclea, arrestati il 26 ottobre dell’anno scorso per ricettazione dopo che nell’abitazione di uno di loro erano stati trovati quasi sette quintali di rame rubato.

La pena proposta nei confronti dei due imputati (difesi dagli avvocati Davide Casà e Davide Santamaria) è ridotta di un terzo per effetto del rito abbreviato. Il 9 ottobre sarà emessa la sentenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Braccati dai carabinieri dopo la rapina alla banca Sant'Angelo: fermati 2 palermitani e un sabettese

  • Il colpo in banca da oltre 50mila euro, la banda dal gip: uno dei banditi aveva distintivo dei carabinieri

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • Grande Fratello vip, l'empedoclina Clizia Incorvaia al centro del gossip

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento