rotate-mobile
Cronaca Porto Empedocle

Accerchiato e aggredito da un branco di randagi, trentenne finisce in ospedale

I carabinieri, che hanno raccolto la denuncia del giovane, hanno già avvisato l’azienda sanitaria provinciale: è stata ingaggiata una sorta di “caccia” ai cani

E’ stato aggredito, in piazza Filippo Gebbia, da un branco di cani. Ha 31 anni l’empedoclino che, ferito, è finito al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento. I medici, dopo averlo sottoposto a tutti i necessari controlli, gli hanno diagnosticato escoriazioni e traumi guaribili in alcuni giorni.

Dell’aggressione, ad opera appunto di un branco di randagi, si stanno, adesso, occupando anche i carabinieri della stazione di Porto Empedocle.

Militari dell’Arma che hanno raccolto la denuncia dell’empedoclino ferito. Non è chiaro cosa sia effettivamente accaduto. E’ in corso, appunto, la ricostruzione dei militari dell’Arma. Pare che il trentunenne si trovasse in piazza Filippo Gebbia e mentre camminava, all’improvviso, sarebbe stato inseguito, accerchiato e aggredito da dei cani randagi. Inutile il tentativo dell’uomo di scacciarli ed allontanarli. I carabinieri, come procedura esige, hanno, naturalmente, già avvisato l’azienda sanitaria provinciale di Agrigento. Appare scontato che, fra veterinari dell’Asp e operai del Comune di Porto Empedocle, sia stata ingaggiata una sorta di “caccia” al branco di randagi per cercare di individuarlo. Non sarà però semplicissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accerchiato e aggredito da un branco di randagi, trentenne finisce in ospedale

AgrigentoNotizie è in caricamento