Netturbini senza soldi ed esasperati, prosegue la protesta: è delirio ambientale

Sesto giorno consecutivo di mancata raccolta dei rifiuti, quinta giornata di sciopero selvaggio. Non è arrivata neanche la convocazione, in Prefettura, per un tavolo di raffreddamento della vertenza

Sesto giorno consecutivo di mancata raccolta dei rifiuti. Per quinto giorno (lunedì scorso lo sciopero era stato proclamato e annunciato dalle sigle sindacali ndr.), gli operatori ecologici in servizio alla Realmarina pare siano rimasti – arbitrariamente - con le braccia incrociate. Esattamente per come avevano preannunciato, già lunedì sera, continua lo sciopero ad oltranza.

Porto Empedocle è sommersa dai rifiuti, i sindacati proclamano altri 2 giorni di sciopero

I netturbini sono arrabbiati, oltre che disperati. Rimasti indietro con la riscossione degli stipendi hanno difficoltà a comprare le medicine, a fare la spesa, a sopravvivere. Ecco perché sono intenzionati – nonostante qualche mese addietro sono stati anche denunciati, dalla polizia, alla Procura per interruzione di pubblico servizio – ad andare avanti con l’astensione arbitraria dal servizio. Il sindaco di Porto Empedocle, Ida Carmina, auspicava la precettazione dei lavoratori da parte della Prefettura. Precettazione che, ieri, non è arrivata. Così come non è arrivata neanche la convocazione per un tavolo di raffreddamento della vertenza. Ma c’è di più. Perché la Fit Cisl ha già proclamato altri due giorni di sciopero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commissione d'indagine: costo dei rifiuti insostenibile per le casse del Comune

E Porto Empedocle? La città, intanto, si sta trasformando in una discarica a cielo aperto. I cumuli di rifiuti continuano ad aumentare, lungo i marciapiedi e le strade, e ad ingrossarsi. A rimetterci sono, inevitabilmente, sono gli empedoclini, soprattutto quanti – e sono pochi – pagano la tassa sui rifiuti. Il rischio igienico-sanitario è, adesso, più che concreto. Anche chi, nei primi giorni di protesta, coscientemente, ha tenuto in casa i rifiuti, adesso è esasperato e molti hanno iniziato a mettere davanti il portone la spazzatura. C’è stato anche chi – in questo momento di delirio ambientale, oltre che sociale, - si è liberato anche di materassi, elettrodomestici e vecchie sedie. 

Raccolta dei rifiuti ferma da 4 giorni, il Comune cerca nuove ditte 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • Temporali in arrivo, diramata una nuova allerta meteo "gialla"

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Frana il costone di Maddalusa, solo paura per i bagnanti: nessun ferito

  • Il Coronavirus spaventa ancora, Musumeci e Razza: "Se contagi salgono si chiude"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento