menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cinquantaquattrenne rinviato a giudizio per stalking

Cinquantaquattrenne rinviato a giudizio per stalking

"Perseguita la moglie e la minaccia di morte", 54enne a giudizio

L'uomo finisce a processo per stalking: avrebbe preso di mira la donna con sms e pedinamenti dopo la fine della loro relazione

“Ti mando in miseria, ti faccio chiudere il negozio, ti tolgo il figlio”. La relazione coniugale era ormai di fatto interrotta e il marito, secondo l’accusa, avrebbe iniziato a perseguitare la moglie con pedinamenti, insulti e minacce. La donna, però, ha deciso di denunciarlo e adesso, a distanza di circa tre anni dai fatti, è stato deciso il rinvio a giudizio. 

L’imputato –  54 anni, di Porto Empedocle – avrebbe preso di mira la moglie per sei mesi. La procura gli contesta il reato di stalking. Il processo inizierà il 4 dicembre davanti al giudice Giancarlo Caruso. L’empedoclino, difeso dall’avvocato Giuseppe Scozzari, secondo quanto sostiene la donna che lo ha denunciato, si sarebbe appostato davanti al suo negozio a piedi o con l’auto per osservarla e intimorirla. 

Alcune molestie sarebbero state anche messe per iscritto con degli sms con i quali manifestava il suo rancore. “Mi stai privando del bambino – le avrebbe scritto – e spero che Dio ti mandi un infarto”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazione Covid, parte il servizio di prenotazione con Postamat

Attualità

Rifacimento della via Archeologica, consegnati i lavori

Attualità

Solidarietà, via al progetto: "In Strada con i senza... niente"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento