Netturbini senza stipendio, domani raccolta a singhiozzo e lunedì sciopero

Previsti disservizi visto che, nelle prossime ore, gli operatori ecologici si asterranno dal lavoro nelle ultime due ore del turno

(foto ARCHIVIO)

A Porto Empedocle, da domani, sono previsti nuovi disagi nell'ambito dell'igiene urbana a causa di ulteriori agitazioni e forme di protesta degli operatori ecologici che non hanno ancora ricevuto i loro stipendi.  Le sigle sindacali hanno infatti confermato che domani i lavoratori si asterranno dal lavoro nelle ultime due ore del turno di servizio, così come accaduto nelle scorse settimane.

Assemblea dei lavoratori, nuovi disagi per i cittadini 

Il motivo è sempre legato ai ritardi con cui il Comune di Porto Empedocle paga le imprese della Realmarina che, conseguenzialmente, non sono più nelle condizioni di avere liquidità sufficiente per saldare gli stipendi arretrati agli operai. Confermato inoltre, lo sciopero di lunedì prossimo 11 febbraio, quando gli operatori ecologici incroceranno le braccia per l'intero turno di lavoro, creando, un serio disservizio visto che rimarrà per strada parte della spazzatura di domani e quella che dovrebbe essere raccolta lunedì.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Netturbini senza stipendio da 6 mesi, la Cisl scrive al prefetto Caputo 

Gli operatori ecologici empedoclini hanno così deciso, insieme al loro rappresentante Rsu e componente del Direttivo provinciale Fit-Cisl Giovanni Moscato, di intraprendere questa forma di protesta per tenere alta l'attenzione sulla loro vertenza. Gli stipendi che devono essere percepiti sono relativi alle mensilità di marzo, aprile e maggio del 2017, novembre del 2018 e la 13esima mensilità di dicembre 2018 e adesso gennaio 2019.  La Cisl aveva già chiesto l'indizione di un tavolo tecnico con il prefetto di Agrigento Dario Caputo per affrontare, ancora una volta, i termini di una vertenza che sembra senza fine. Ma la convocazione non è mai avvenuta. 

I netturbini incrociano le braccia: sospesa la raccolta 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: calano i contagi, ma ci sono Comuni dove si registra un'impennata

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

  • Coronavirus: boom di contagi in città (+7), Licata (+7) e Canicattì (+10), positivi alunni, docente e operatore: scuole chiuse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento