rotate-mobile

Migranti: disordini e rischi durante la distribuzione dei panini a Porto Empedocle

Ancora una volta, con grande abilità, l'ordine e la sicurezza pubblica sono stati mantenuti dalle forze di polizia che però faticano a gestire così tante persone, fra cui donne e bambini, sistemati in un'area che non è assolutamente attrezzata per questi numeri

S'è rischiata la rivolta, nella tarda serata di ieri, nell'area di pre-identificazione creata all'estremità del porto di Porto Empedocle. Durante la distribuzione di panini e bottigliette d'acqua, i migranti presenti - circa 1.100 - si sono accalcati, chiedendo ripetutamente da mangiare, e spintonati e, all'improvviso, l'ordine è stato messo a rischio. Ad intervenire - evitando che nessuno si facesse male, né che qualcuno dei migranti riuscisse a scavalcare la recinzione e ad allontanarsi - sono stati poliziotti, carabinieri e finanzieri in assetto antisommossa. Al porto Empedoclino sono accorsi anche il prefetto e il questore di Agrigento, rispettivamente Filippo Romano ed Emanuele Ricifari. Proprio il questore, durante i momenti di fortissima tensione, è entrato nell'area di pre-identificazione ed ha cercato, in prima persona, di riportare la calma.

Ancora una volta, con grande abilità, l'ordine e la sicurezza pubblica sono stati mantenuti dalle forze dell'ordine che però faticano a gestire così tante persone, fra cui donne e bambini, sistemati in un'area che non è assolutamente attrezzata per questi numeri. 
Il caos, ieri sera, è scoppiato durante la distribuzione del cibo: 1.400 i panini, e il doppio di bottiglie d'acqua, date a tutti gli ospiti presenti.  

Muore nella stiva della barca mentre è in viaggio verso Lampedusa

Stop trasferimenti da Lampedusa 

Il prefetto di Agrigento, Filippo Romano, ha stoppato, almeno per oggi, i trasferimenti dall'hotspot di Lampedusa che accoglie 1.897 migranti. Ieri, con i due traghetti di linea, sono state spostate a Porto Empedocle complessivamente 548 persone. Nell'area di pre-identificazione, creata all'estremità del porto Empedoclino, ci sono 1.269 migranti, troppi per una location che è attrezzata per appena poche centinaia. Dopo i disordini di ieri sera, durante i quali per s'è temuto che potesse scoppiare una rivolta, il prefetto ha deciso di sospendere gli spostamenti con i traghetti di linea. Serve infatti, per prima cosa, alleggerire le presenze fra gazebi e tensostruttura di Porto Empedocle.  

Video popolari

Migranti: disordini e rischi durante la distribuzione dei panini a Porto Empedocle

AgrigentoNotizie è in caricamento