rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Porto Empedocle

"Maltrattò la moglie ma non la violentò", condannato quarantenne

I giudici della prima sezione penale hanno inflitto un anno e quattro mesi di reclusione all'uomo

Condanna a un anno e quattro mesi per l’accusa di maltrattamenti e assoluzione “perché il fatto non sussiste” per quella di violenza sessuale. È questa la decisione dei giudici della prima sezione penale, presieduta da Alfonso Malato, con a latere Alessandro Quattrocchi e Giuseppa Zampino, che ieri mattina hanno emesso la sentenza nei confronti di un quarantenne di Porto Empedocle finito a processo sulla base delle denunce della moglie.

L’accusa nei suoi confronti ha retto a metà perché è stata ritenuta insussistente l’imputazione di violenza sessuale. Il pubblico ministero Antonella Pandolfi, all’udienza precedente, aveva chiesto la condanna dell’imputato per tutte le accuse a tre anni di reclusione. Uno degli episodi più gravi, comunque esclusi, è un approccio sessuale violento che l’imputato avrebbe avuto nei confronti della moglie. “Ha cercato di spogliarla con violenza per avere un rapporto sessuale contro la sua volontà”. 
Questa accusa è stata ritenuta insussistente.

I fatti al centro del processo risalgono al 2014. L’inchiesta scaturisce dalle denunce della donna. I giudici hanno stabilito anche la condanna dell’imputato a risarcire l’ex moglie che si è costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Rosa Salvago. 

Il difensore dell’imputato, l’avvocato Raimondo Tripodo, invece, aveva sottolineato “l’assoluta contraddittorietà del racconto della vittima tanto che i servizi sociali, che in una circostanza sono stati attivati dai carabinieri per occuparsi della vicenda, hanno archiviato il caso con delle relazioni positive”. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Maltrattò la moglie ma non la violentò", condannato quarantenne

AgrigentoNotizie è in caricamento