menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cantiere abusivo per creare una carrozzeria, scoperti 3 operai "in nero": 2 percepivano il reddito di cittadinanza

Quattro, complessivamente, le persone denunciate dai carabinieri alla Procura della Repubblica. Sequestrato l'immobile di 150 metri quadrati

Stavano trasformando un magazzino del centro di Porto Empedocle in un'autocarrozzeria. Lavori edili che erano in corso di realizzazione, in pieno centro, senza alcuna concessione. Quattro le persone, tutte di Porto Empedocle, che sono state denunciate - dai carabinieri - alla Procura di Agrigento. Due dei tre operai, a quanto pare, percepivano anche il reddito di cittadinanza e dunque oltre che di abusivismo edilizio risponderanno anche di truffa ai danni dello Stato. 

Stamani, i carabinieri della stazione di Porto Empedocle - coordinati dal capitano Marco La Rovere che guida la compagnia di Agrigento - assieme ai responsabili dell'ufficio tecnico comunale hanno effettuato una verifica in quel magazzino dove erano in corso dei lavori edili. Interventi di riconversione dell'immobile, senza alcuna autorizzazione appunto, in un'autocarrozzeria. E' stato subito identificato, e denunciato, colui - un empedoclino di 31 anni - che si era affidato a tre operai concittadini per realizzare quelle opere. Anche loro - di 40, 23 e 45 anni - sono stati denunciati alla Procura sempre per esecuzione di opere in mancanza di concessione edilizia. Gli accertamenti dei militari dell'Arma hanno, inoltre, permesso d'appurare che i tre operai lavoravano "in nero", senza alcuna garanzia contrattuale dunque e che due dei tre percepivano anche il reddito di cittadinanza. 

Il magazzino - un immobile di 150 metri quadrati - dove erano in corso i lavori abusivi è stato posto sotto sequestro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento