menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Ancora un incendio: brucia l'Opel di un operaio empedoclino, avviate le indagini

Le cause della scintilla iniziale risultano essere ancora in corso d’accertamento. Nessuna ipotesi, né quella dolosa, né quella accidentale vengono categoricamente escluse

Ancora un incendio di auto nell’Agrigentino. Questa volta, nella notte fra mercoledì e ieri, è “toccato” a Porto Empedocle: all’autovettura di un operaio quarantacinquenne. La macchina – una Opel Astra – era stata lasciata, forse come d’abitudine, posteggiata lungo via Buttitta nel quartiere periferico di Ciuccafa. Alle 3,30 circa, dopo che qualcuno s’è accorto delle fiamme, è arrivato l’Sos alla sala operativa dei vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento.

I pompieri sono accorsi – esattamente come gli agenti del commissariato di polizia “Frontiera” – e sono rimasti al lavoro fino alle 4,30 circa. Dopo che sono state spente le fiamme, poliziotti e vigili del fuoco si sono occupati del cosiddetto sopralluogo tecnico. Accanto all’Opel Astra – stando a quanto è emerso ieri – non sarebbero state trovate tracce di liquido infiammabile, né taniche o bottiglie sospette. Elementi indispensabili per poter parlare, e in primissima battuta, di un incendio dalla matrice dolosa.

Le cause della scintilla iniziale, che ha danneggiato l’Opel Astra, ieri, pertanto, risultavano essere ancora in corso d’accertamento. Nessuna ipotesi, naturalmente, né quella dolosa, né quella accidentale, venivano categoricamente escluse. Servirà del tempo ai poliziotti del commissariato “Frontiera” per provare a fare chiarezza e servirà anche attendere il deposito della perizia dei vigili del fuoco che dovranno, inevitabilmente, pronunciarsi. Appare scontato che i poliziotti, se non durante la notte, già ieri, abbiano sentito il proprietario dell’autovettura. Un passaggio investigativo obbligatorio e indispensabile per provare a mettere subito dei punti fermi nelle indagini. Quello di Porto Empedocle – dopo un periodo di relativa calma sul fronte degli incendi di automezzi – è il terzo che si registra, in provincia, nel giro di pochi giorni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazione Covid, parte il servizio di prenotazione con Postamat

Attualità

Rifacimento della via Archeologica, consegnati i lavori

Attualità

Solidarietà, via al progetto: "In Strada con i senza... niente"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento