Forza il posto di blocco e viene inseguito per chilometri e chilometri: arrestato empedoclino

Durante la fuga sarebbe stata speronata una delle macchine delle Volanti e quindi dovrebbe configurarsi anche il danneggiamento. L'uomo è stato bloccato a Favara dai carabinieri

Il momento in cui l'automobilista è stato bloccato

Prima lungo la strada statale 115, passando dalla rotonda Giunone e poi fin dentro le "mura" di Favara. E' per chilometri e chilometri che la polizia e i carabinieri hanno inseguito l'autovettura che non s'era fermata - di fatto ha forzato - al posto di blocco della polizia. Un inseguimento che da Porto Empedocle s'è concluso in viale Berlinguer a Favara dove il fuoristrada è stato accerchiato e bloccato dai carabinieri e dove l'automobilista - un empedoclino - è stato arrestato in maniera congiunta. 

IL VIDEO. Non si ferma all'Alt della polizia, arrestato dopo un lungo inseguimento: ecco le immagini

All'empedoclino, A. T., è stata contestata l'ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale. A quanto pare, durante la fuga sarebbe stata speronata una delle macchine delle Volanti e quindi dovrebbe configurarsi anche il danneggiamento. Qualche agente delle Volanti s'è fatto male e, in questi minuti, viene sottoposto ad accertamenti sanitari per essere refertato. Non è escluso che possa configurarsi anche l'ipotesi di reato di lesioni. L'automobilista, un giovane, è stato portato alla caserma "Anghelone" di Agrigento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento