menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'area di Ciuccafa

L'area di Ciuccafa

"Non risultano proprietarie della cooperativa", 12 famiglie empedocline dovranno lasciare casa

A giugno gli appartamenti di un complesso edilizio nella zona di Ciuccafa saranno messi all'asta dalla banca, che oggi vanta un credito contro la coop

A Porto Empedocle 12 famiglie stanno vivendo un incubo: quello di dover abbandonare la propria casa perché questa sarà messa all'asta nei prossimi mesi. 

Siamo in contrada Ciuccafa, quartiere a ovest della città marinara, dove negli ultimi decenni sono sorti diversi edifici residenziali con il sistema della cosiddetta "edilizia residenziale agevolata”.  Una di queste cooperative è però in difficoltà con il pagamento del finanziamento concesso per la costruzione degli edifici condominiali, tanto che la banca un paio di anni addietro ha rotto gli indugi e ha fatto sottoporre a pignoramento l'intero complesso edilizio. A farne le spese sono i soci della cooperativa stessa, nel frattempo trasferitisi da diversi anni negli appartamenti che erano destinati ad essere loro formalmente assegnati e che adesso però rischiano seriamente di doverli abbandonare.

Il Tribunale di Agrigento, infatti, ha recentemente disposto la vendita di tutti gli appartamenti e di tutti i box auto e, rigettando anche l'ultimo tentativo - non ritenuto fondato - di ottenere una sospensione, ha disposto pure l'immediato sgombero degli immobili, ordinando ai soci il rilascio degli appartamenti occupati. Ad occuparsi della vendita - che si terrà in giugno - per conto del Tribunale sarà l'avvocato Luca Vetro. Al medesimo professionista il Tribunale ha affidato anche il delicato compito di curare il rilascio degli immobili, tanto che è stato avviato il relativo procedimento che dovrebbe concludersi nel giro di poco più di un mese. 

Questo sempre che i soci della cooperativa, alcuni seguiti dall'avvocato Luigi Troja e altri dall'avvocato Santina Lattuca, non riescano a trovare velocemente una soluzione col custode giudiziario che possa evitare l'esito infausto che si prospetta imminente per gli occupanti degli appartamenti, dato che tutti i tentativi di opposizione non hanno finora prodotto risultati. Per le famiglie ci sono oggi solo due possibilità: riacquistare l'immobile partecipando alla gara o proporre alla banca di occupare gli stessi (oggi abitati senza titolo) previo il pagamento di un affitto all'istituto di credito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento