Antirandagismo e sicurezza delle vie: ecco come verranno spesi i soldi dei vigili

Per il 2019 verranno incassati 90 mila euro. Di questi, il comandante Calogero Putrone ha stabilito come utilizzare 81 mila

L’Esecutivo, sindaco Ida Carmina in testa, ha detto “sì”. Ecco come verranno spesi i soldi derivanti dalle contravvenzioni elevate dalla polizia municipale di Porto Empedocle. Per il 2019 verranno incassati 90 mila euro. Di questi, il 90 per cento, ossia 81 mila euro, verranno ripartiti destinando il 15 per cento – 12.150 euro cioè – alla previdenza aggiuntiva del personale impiegato nei servizi di polizia stradale; il 10 per cento,  8.100 euro, in progetti dedicati all’educazione stradale, nonché per interventi di sicurezza in favore degli utenti deboli quali bambini, anziani, disabili; il 25 per cento invece – ben 20.250 euro – verranno destinati all’acquisto di mezzi tecnici per il potenziamento delle attività di controllo del territorio e di accertamento delle violazioni del codice della strada.

A decidere la ripartizione è stato il comandante della polizia municipale di Porto Empedocle: Calogero Putrone. Degli 81 mila euro, il 35 per cento - 28.350 euro – verrà destinato all’Utc per interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica stradale e messa in sicurezza delle strade della città e il 12%, 9.720 euro, serviranno per interventi antirandagismo, mentre il 3%, 2.430 euro, per spese di rimozione e custodia di veicoli sequestrati in quanto sprovvisti d’assicurazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento