Chiede la casa popolare e minaccia di gettarsi dal Municipio: denunciato 30enne

Il sindaco, Ida Carmina, è riuscita - ma solo perché vi stava già lavorando da tempo - a trovare un'abitazione per la famiglia con un bimbo disabile. Andranno in un alloggio di contrada Ciuccafa

Il Comune di Porto Empedocle

Per più di due ore ha minacciato di buttarsi dalla finestra di un ufficio comunale che si affaccia su via Stretta. Chiedeva, lo fa da tempo, l'assegnazione di un alloggio popolare.  Una casa che oggi - il sindaco di Porto Empedocle, Ida Carmina, ci stava lavorando da tempo - è stata trovata: è in contrada Ciuccafa. Il trentenne empedoclino, per il caos di stamani, è stato però denunciato, alla Procura di Agrigento, per l'ipotesi di reato di interruzione di pubblico servizio. Non è escluso che possa scattare anche l'ipotesi di danneggiamento visto che all'interno del Municipio sarebbero stati provocati danni. 

Chiedono l'alloggio popolare e si scagliano contro il sindaco: scoppia il caos in Comune

"Già da un po' stavamo cercando una soluzione. C'è una casa il cui proprietario è deceduto e dunque stavamo cercando di definire proprio questa possibilità, ma serviva appunto un provvedimento di revoca. Tutte le procedure, a causa del Covid-19, sono state poi, di fatto, sospese. La famiglia comunque aveva un tetto sulla testa - ha ricostruito il sindaco Ida Carmina - . Per temporeggiare, nell'attesa dell'assegnazione della casa popolare, il Comune si era anche mosso per provare a venirgli incontro con il proprietario dell'abitazione che questa famiglia aveva in affitto". Si sono però, appunto, registrate più proteste da parte del disperato empedoclino, padre di un figlio disabile.

Stamattina, l'ennesimo momento di caos. Sono accorsi in Municipio i vigili urbani e i poliziotti del commissariato "Frontiera". Si temeva, di fatto, che il trentenne veramente si gettasse dalla finestra che si affaccia su via Stretta. "Avevo anche telefonato all'istituto autonomo case popolari ed era stata offerta la possibilità di un'abitazione a Joppolo Giancaxio - ha ricostruito, ancora, il sindaco Ida Carmina - . Oggi questo nuovo momento di grande tensione. Comprendo la disperazione - ha concluso - ma la disperazione non giustifica tutto quello che è accaduto". A Porto Empedocle ci sono anche altre famiglie in difficoltà e pure loro hanno fatto richiesta di casa popolare. 

L'empedoclino è stato denunciato, alla Procura della Repubblica di Agrigento, dai poliziotti del commissariato "Frontiera". L'ipotesi di reato avanzata è interruzione di pubblico servizio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento